93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
< Home

“Non ci siamo mai arresi”: il Bergamo Film Meeting torna a fine maggio

Articolo. Dal 23 al 31 l’edizione di quest’anno. Una bella notizia in questi giorni di incertezza e blocco della vita sociale. Fiammetta Girola, della direzione artistica, ci ha raccontato le difficoltà di questi giorni

Lettura 3 min.
(Yuri Colleoni)

È ufficiale: il Bergamo Film Meeting è spostato dal 23 al 31 maggio. L’emergenza sanitaria ha sospeso questa 38esima edizione, ma ora si cercherà di preparare tutto al meglio per la nuova data. BFM inaugurerà ufficialmente lunedì 18 maggio alle 21 al Teatro Sociale di Bergamo, replicando la serata prevista per il 6 marzo: il film “THX 1138 Director’s Cut” (“L’uomo che fuggì dal futuro”, 1971) di George Lucas musicato dal vivo dagli Asian Dub Foundation (ne abbiamo parlato qui). I tagliandi e gli abbonamenti precedentemente acquistati rimangono pertanto validi. Abbiamo fatto il punto con Fiammetta Girola, che insieme a Chiara Boffelli collabora alla direzione artistica del festival.

Verrà Malcolm McDowell?

(Foto Malcom McDowell in “Arancia meccanica”)

L’emergenza sanitaria è esplosa a ridosso dell’evento, abbiamo fatto fatica a capire cosa fosse giusto fare – spiega Fiammetta – ci abbiamo impiegato una settimana per decidere di rinviare”. Gli ospiti sono l’aspetto più delicato di questo 38esimo Bergamo Film Meeting: “questa è un’edizione particolarmente ricca e piena di ospiti” ed è difficile riorganizzare la presenza di tutti, anche perché non si tratta di una “semplice” questione di soldi o disponibilità: “ Malcolm McDowell ha confermato la volontà di esserci, ma la situazione Coronavirus si sta evolvendo a livello mondiale. Lui vive negli Usa, perciò dipenderà da come si metteranno le cose, quali politiche adotteranno i vari Stati, se ci saranno i voli. Lui ha espresso la volontà di esserci, e questo vale per tutti gli ospiti”. Per sostituire gli spazi vuoti, BFM sta lavorando a qualche sorpresa, “un po’ di tempo per organizzarci lo abbiamo”, commenta Girola.

Confermati gli Asian Dub Foundation

Asian Dub Foundation
(Foto Umberto Lopez)

L’inaugurazione di quest’anno era il 6 marzo, al Teatro Sociale di Bergamo alle ore 21.00 con il film “THX 1138” (“L’uomo che fuggì dal futuro”, 1971) di George Lucas musicato dal vivo dagli Asian Dub Foundation, formazione trip-hop britannica, in anteprima europea. Un inizio col botto. La buona notizia è gli ADF torneranno il 18 maggio al Teatro Sociale. “Avevamo sospeso la vendita dei biglietti ma ora la riapriamo a breve, dando la possibilità di resa a chi avesse già comprato il biglietto per il 6 marzo e fosse impossibilitato per la nuova data”. A breve saranno comunicate tutte le modalità per richiedere il rimborso del biglietto. Una bella storia di collaborazione in una situazione di emergenza: “Siamo tutti consci dello stato di emergenza, ma gli Asian Dub Foundation tengono molto allo spettacolo e volevano farlo a Bergamo. Abbiamo chiesto subito alcune date e verificato disponibilità del Sociale”.

La chiusura del Cinema San Marco

L’addio del Cinema San Marco – l’ennesima sala in centro a Bergamo a chiudere definitivamente i battenti – è un brutto colpo per il morale in questi giorni già difficili. “Lo sapevamo da, non è una decisione legata alla situazione del Coronavirus, era previsto che facessero l’ultimo Bergamo Film Meeting e poi chiudessero”. Il rinvio del festival ha anticipato una scelta già fatta, perché il cinema cittadino non riesce a reggere la concorrenza dei grandi multisala e i costi di gestione erano ormai insostenibili. Il San Marco chiude per “cessata attività”, come si legge dal laconico comunicato su Facebook, dove ringraziano “Per questi anni passati insieme”.

L’annuncio rimanda poi alla programmazione del Capitol, perché la gestione dei due cinema è comune, della Siec, fondata nel 1983 da Piercarlo Nolli, storico esercente e fondatore di Lab 80, di Esterno Notte e di Bergamo Film Meeting. Ed è proprio al Capitol che verranno dirottate molte proiezioni del Bergamo Film Meeting. “Negli anni precedenti il Capitol era usato solo per le scuole, ora ne avremo bisogno in modo più esteso”, commenta Fiammetta Girola.

Le scuole e i ragazzi

Proprio le scuole saranno le grandi assenti di questa edizione: “Comunque andranno le cose, saranno indietro con la didattica e dovranno recuperare”, spiega Fiammetta Girola. Ma il programma dedicato a bambini e ragazzi, Kino Club, ci sarà comunque: “Avevamo progetti bellissimi e ci spiace perderli, ci andranno le famiglie”. Vedremo cosa si riuscirà a proporre fra i numerosi laboratori, incontri con gli autori, proiezioni di lungometraggi e cortometraggi, e sonorizzazioni dal vivo di classici del cinema muto. Kino Club è strutturato in tre percorsi di visione a seconda delle età (Kids+, 11+ e 14+) con l’obiettivo comune di avvicinare i ragazzi al cinema d’autore.

Il momento della solidarietà

Noi non ci siamo mai arresi e abbiamo voglia di ricominciare. Ciò che ci condiziona è l’incertezza del momento, ma vale per tutti noi come da cittadini. Questa è ciò che più crea difficoltà. Si cerca di reagire, sapendo che non riusciremo a fare tutto, ma faremo il più possibile. Dal pubblico abbiamo ricevuto molto affetto e con l’Amministrazione comunale c’è un confronto continuo. Anche i fornitori e i partner hanno compreso la situazione e sono solidali. Abbiamo sospeso la prenotazione di film all’estero senza che ci facessero problemi, è il momento della solidarietà”.

Fornitori e partner sono disponibili ad accordarsi per ridefinire gli accordi e capire come fare per evitare stravolgimenti del programma. Molti festival italiani hanno subito la stessa sorte e ora si cerca di coordinarsi per evitare le sovrapposizioni nel periodo primaverile e estivo: “Dobbiamo capire come non pestarci i piedi a vicenda e non basta una giornata per decidere”, spiega Girola. Ma la gente se la sentirà di tornare al cinema, passata la situazione d’allarme? “Bisogna vedere quanto dura, ma a un certo punto avremo anche voglia di tornare a socializzare ”. Per questo è sempre rimasta aperta la campagna di abbonamento online in prevendita sul sito.

Sito Bergamo Film Meeting

Approfondimenti