93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
< Home

Al «Galà del mais spinato» con L’Eco café

Articolo. Da venerdì 30 settembre a domenica 9 ottobre, a Gandino torna uno degli appuntamenti più amati dai buongustai bergamaschi e dagli amanti della sostenibilità. Questo weekend, in Piazza Vittorio Veneto troverete anche la redazione itinerante de L’Eco di Bergamo e di Eppen

Lettura 2 min.
Mais Spinato di Gandino (Foto Marco Presti)

Gastronomia d’eccellenza, ma anche tante attività didattiche, convegni, intrattenimento musicale. Prende il via il «Galà dello Spinato», un’iniziativa tutta dedicata al Mais Spinato di Gandino, antichissima varietà di mais (pensate che arrivò in zona nei primi decenni del 1600!) dal gusto inimitabile.

Quest’anno il programma del Galà ruoterà attorno allo slogan «Coltura, cultura e… cottura» e al tema «Uniti per crescere: Sinergia e Resilienza». Al centro dell’edizione 2022, ci saranno l’eccellenza dei prodotti della filiera gandinese, l’impegno dello staff e di tutti i volontari, e i progetti «Slow Mays» e «Increase», che connotano l’evento a livello nazionale ed internazionale.

Cascina Parecia a Gandino, culla del Mais Spinato di Gandino

Avrete ben dieci giorni a disposizione per curiosare tra i mercatini del paese, partecipare alle visite guidate nel centro storico, alla raccolta in campo delle pannocchie e ai numerosi convegni proposti (vi segnaliamo «Seminare idee. Punti di vista sull’evoluzione del contesto socio ambientale», domenica 9 ottobre alle 10 nell’Auditorium della Biblioteca Civica).

In programma, anche momenti di animazione per grandi e bambini. Sabato 1 e domenica 2 ottobre, tra le vie di Gandino vi aspetta il gruppo boliviano Salay Tukuypaj Filial. La giornata di domenica verrà allietata anche da alcuni strumenti della tradizione locale come il baghèt (l’antica cornamusa bergamasca) e le campanine, xilofoni legati all’arte campanaria. Da non perdere, alle ore 21 nella Basilica di S. Maria Assunta, l’elevazione musicale del coro Max Vokal di Monaco di Baviera.

L’Eco café

Sabato 1 ottobre, dalle 10.30 alle 23.30 e domenica 2 dalle 10 alle 19, in Piazza Vittorio Veneto troverete anche la redazione mobile de L’Eco di Bergamo e di Eppen. Come da tradizione, nel salotto de L’Eco café potrete leggere una copia del giornale, bere una tazzina di caffè offerto dalla torrefazione bergamasca Caffè Poli e conoscere tutte le vantaggiose offerte abbonamenti (tre mesi a L’Eco di Bergamo al costo di 75 euro oppure alla rivista Orobie a 44 euro, in più cinque biglietti omaggio UCI Cinemas da utilizzare entro fine dicembre).

Il centro storico di Gandino dominato dall’imponente Basilica

Punto di forza de L’Eco café sono da sempre gli incontri con gli organizzatori delle manifestazioni del territorio e con l’amministrazione comunale. Domenica 2 ottobre, a partire dalle 10, L’Eco café proporrà tre momenti di dialogo, a cui è possibile partecipare sia in presenza che in streaming, sul sito ecocafe.it e sui social de L’Eco café e di Eppen.

Il primo incontro, moderato dal giornalista de L’Eco di Bergamo Matteo Mosconi, verterà sul tema della sostenibilità. Con il sindaco Filippo Servalli, il presidente della Comunità del Mais Spinato di Gandino Antonio Rottigni e il coordinatore del distretto del commercio Le Cinque Terre della Val Gandino Gianbattista Gherardi parleremo di comunità energetiche.

Panorama della Val Gandino

Alle 10.30, la redazione de L’Eco café aspetta tutti coloro che vorranno conoscere il territorio montano della Val Gandino. Il presidente di Promoserio Maurizio Forchini accompagnerà i presenti alla scoperta dei «sentieri letterari». Ospiti anche Alex Borlini, presidente del GAL, e Mauro Pezzoli, organizzatore del «Trail della Lana» e coordinatore del marchio «Family Val Gandino». L’incontro verrà moderato dal direttore della rivista Orobie Paolo Confalonieri.

Per finire, alle 11, spazio alla cultura e agli eventi del territorio con Gianfranco Bosio, presidente del Museo del Tessile di Leffe , Antonio Savoldelli degli Amici del Museo e Mauro Abbadini, che annuncerà le novità in vista della Casa Bergamasca di Babbo Natale.

Approfondimenti