93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
< Home
SPONSORIZZATO

La libertà di guidare non è mai stata così femminile

Intervista. Bonaldi - Gruppo Eurocar Italia è composto da molte donne. Che in diversi ruoli lavorano quotidianamente alla diffusione delle auto del gruppo. Come ad esempio Federica Piccinini, che abbiamo intervistato. A marzo il Gruppo propone occasioni che avvicinano le donne al mondo dell’automotive.

Lettura 4 min.

U n dipendente su quattro in azienda è donna. Di cosa si occupano? Alcune di marketing, nel ruolo di responsabili o digital manager; altre presidiano i back office, altre ancora assistono i clienti del service o occupano le reception, la maggior parte sta in amministrazione e al personale.

Consapevole del ruolo decisivo e del valore aggiunto che le donne sanno dare in un mondo che è stato fino a poco tempo fa prettamente maschile, la direzione del gruppo ha reso partecipi alcune di loro per farsi promotrici, davanti alle telecamere, delle occasioni riservate a tutte le donne dall’8 al 31 marzo.

Quali sono? Eccole:

  • Check up e lavaggio auto alle donne che portano la loro Volkswagen, Audi, Skoda, Seat o Cupra
  • Kit di ruote invernali e deposito per le donne che acquisteranno un’auto nuova
  • Passaggio di proprietà per le auto usate
  • Un vasetto di primule per tutte coloro che anche solo semplicemente entreranno negli showroom Bonaldi – Gruppo Eurocar Italia l’8 marzo.

Per raccontarle ne è uscita una sfilata di sorrisi, rossetti, desideri e promesse. Sulle note di un celebre tango, Elena, Arianna, Silvia, Michela, Cristina, Giorgia, Maddalena e un’altra Arianna hanno interpretato la relazione complice e, a tratti, sentimentale che lega le donne alla loro auto.

La libertà di guidare e di percorrere distanze che possono portarci, oltre che a fare la spesa, anche là dove inizia il mare e sorge l’alba, su per i monti e nei vicoli di ogni città è una conquista che ci siamo prese da pochi decenni ed è per questo che ancora oggi si colora del rosso della vittoria e disegna sui volti sorrisi compiaciuti.

Nell’auto delle donne, così come nella borsetta, ci sono mondi e segreti che l’auto custodisce gelosamente. Nel video che potete vedere qui c’è tutto questo, lasciatevi guidare in questo viaggio al femminile.

Ma abbiamo voluto fare anche di più per raccontare quanto il mondo dell’auto sia stato perfettamente “addomesticato” dalle donne. Abbiamo intervistato chi non vede quotidianamente le auto che passano dagli shoowroom, ma le conta soltanto. Si tratta di Federica Piccinini che ha 28 anni, convive e non ha figli. È lei per questo mese di marzo la portavoce delle donne che lavorano in Bonaldi – Gruppo Eurocar Italia. È in azienda da tre anni e mezzo, tanti rispetto ai numerosi ingressi degli ultimi tempi; pochi rispetto alle vecchie leve che hanno visto la piccola concessionaria degli anni Sessanta diventare ora parte di Porsche Holding.

DT: Quale è il tuo percorso di studi?

FP: Dopo il diploma al liceo scientifico Amaldi, ho frequentato la facoltà di economia e commercio a Milano Bicocca e ho ottenuto la laurea magistrale in economia aziendale nel 2016 con una tesi sulle donne.

DT: Davvero?

FP: Si. Ho compiuto un’analisi teorica ed empirica sul loro apporto nei consigli di amministrazione nelle società italiane quotate. Ho provato a dimostrare come la gender diversity possa portare un contributo aggiuntivo ampliando i punti di vista sui mercati e sulle aziende. Al di là del conteggio delle presenze a seguito della legge Golfo-Musca (quella delle quote rosa, ndr), ho indagato sul loro ruolo, esecutivo oppure operativo, nei consigli. Nel periodo analizzato (2004-2013) erano molto poche le donne Ceo, la strada da percorrere è ancora lunga.

Federica Piccinini

DT: Eri una secchiona?

FP: Ho sempre studiato molto e i miei risultati scolastici sono stati ottimi.

DT: E di cosa ti occupi in Bonaldi?

FP: Lavoro dietro le quinte e mi occupo del controllo di gestione con altre tre persone e io sono la più “anziana”, lavorativamente parlando. Significa che seguo l’andamento della redditività dei singoli e sono di supporto al Cfo nell’implementazione di qualche progetto e per chiusura del bilancio.

DT: Ti piace?

FP: Potrebbe sembrare un lavoro noioso, ma non lo è affatto. Ogni nuova opportunità di conoscere i processi, anche solo attraverso i numeri e gli indici, è per me benvenuta. Il controllo di gestione richiede una buona dose di curiosità e capacità di indagine, approcci che sento miei e che nutrono anche la mia vena creativa

DT: Hai dei modelli femminili che ti ispirano nel tuo lavoro quotidiano?

FP: Vengo da una famiglia al femminile, con mamma, zie e sorelle. Sebbene sia la più giovane, mi hanno insegnato presto ad essere indipendente, ad impegnarmi al massimo per ottenere quello che mi serve e a coltivare sensibilità verso gli altri. Sono loro i miei primi modelli. Poi Alexandra Ocasio-Cortez, la politica americana sostenitrice dello sviluppo dell’economia verde e blu. Di lei mi piacciono la decisione e la grinta.

DT: Definisciti in tre aggettivi, positivi o negativi a tua scelta.

FP: I positivi sono gli stessi che ho dichiarato al colloquio di lavoro: umile, onesta e curiosa. Quelli negativi non li avevo dichiarati, ma anche quelli non sono mai cambiati: sono disordinata, testarda e curiosa (a volte è ANCHE un grosso limite). Poi, non so se è un difetto, non mi piace impormi. L’eccessiva sicurezza non è per me un valore, preferisco trovare sempre la mediazione nelle discussioni

DT: Cavalli, auto elettrica, ibrida, mild hybrid. Avevi mai utilizzato questi concetti prima di entrare in Bonaldi – Gruppo Eurocar Italia? E ora li usi con padronanza?

FP: Non ne conosco nel dettaglio il significato ma, anche come amministrativa, ho dovuto imparare molte cose del mondo dell’automotive. Di certo mi è venuta la mania di guardare le targhe posteriori delle auto. Quando vedo la firma Bonaldi sono soddisfatta perché è come se l’avessi venduta io.

DT: Quante volte ti trovi a difendere l’importanza di usare l’auto con i tuoi amici rispetto agli ecologisti integralisti che usano solo la bicicletta?

FP: Sul binomio auto-bicicletta sono tranquilla perché so che anche Volkswagen sta investendo per mobilità sostenibile. Il prodotto che vendiamo sta diventando un prodotto sempre più amico dell’ambiente.

DT: Cosa fai nel tempo libero? Hai qualche passione o interesse che influenza il tuo lavoro?

FP: Ho sempre amato la scrittura e dal lockdown sto lavorando con un’amica illustratrice e un’altra che è maestra elementare alla scrittura di un albo illustrato per bambini sull’importanza di essere differenti. E poi collaboro con Fidal (Federazione Atletica leggera) aiutando nella preparazione delle gare e nell’inserimento dei risultati. Voglio restituire al mondo dello sport, in particolare all’atletica che ho praticato per 13 anni, le belle emozioni che mi ha regalato. Con lo sport ho acquisito una certa capacità nella gestione del tempo, ho imparato ad accettare di non essere sempre la migliore e poi sopporto la fatica, il che mi aiuta nelle gite in montagna, che sto piacevolmente scoprendo.

DT: È vero che una donna guida peggio di un uomo?

FP: Quanto è vero che un uomo cucina peggio di una donna.Sono stereotipi di genere che non dovrebbero esistere.

DT: È vero che la donna sceglie solo il colore dell’auto?

FP: Idem.

DT: Ti senti strega, santa o bella dama?

FP: Siamo un po’ tutte streghe, un po’ sante e belle dame. Anche qui in azienda. Venite a trovarci, vi accoglieremo con un sorriso e, l’8 marzo, con un vasetto di primule.

Vuoi saperne di più? Contatta Bonaldi – Gruppo Eurocar Italia tramite WA al numero 345 0908065 o scrivi a digital@bonaldi.it.

Sito Gruppo Bonaldi

Approfondimenti