93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
< Home
SPONSORIZZATO

Tutto quello che c’è da sapere e un videoracconto sulla Fiera di Sant’Alessandro

Guida. In un filmato tutta la magia di questo appuntamento su tre giorni (3-4-5 settembre) dedicato ad agricoltura, allevamento, zootecnia, macchine agricole, prodotti enogastronomici e molto altro. Volete andarci? Qui sotto trovate tutte le informazioni essenziali.

Lettura 6 min.
I Mismountain Boys

Vi abbiamo raccontato in breve la storia della Fiera di Sant’Alessandro. Vi abbiamo fatto conoscere alcuni degli espositori. Ma niente è più efficace che sentire gli stessi protagonisti della manifestazione raccontare la loro esperienza e il senso della loro partecipazione a questo tradizionale appuntamento dell’estate bergamasca.

Ora è il vostro momento: addetti ai lavori, famiglie, curiosi, eccovi la guida essenziale alla Fiera di Sant’Alessandro.

QUANDO / Dopo due anni di stop (gli spazi fieristici trasformati prima in ospedale e poi in punto vaccinazioni), la diciottesima edizione sarà dal 3 al 5 settembre.

DOVE / Alla Fiera di Bergamo. Un’area di 50 mila mq, al coperto e all’esterno, 163 espositori provenienti da 13 Regioni d’Italia e 5 dall’estero, eventi collaterali per tutta la famiglia.

ORARI / 3 settembre dalle ore 14:30 alle ore 22:30; 4 settembre dalle ore 9 alle ore 22:30; 5 settembre 2021 dalle ore 9 alle ore 19.

INGRESSO / La prenotazione è fortemente raccomandata. Vi potete prenotare a questo link (e avrete uno sconto di 1 € in meno rispetto al botteghino). Oppure chiamando il Numero Verde 800 599 444 (tutti i giorni, dalle 8.30 alle 18). Rimane aperta la possibilità di acquistare il biglietto direttamente in Fiera (attenzione però che gli ingressi sono limitati a 5 mila persone in contemporanea e non ci saranno liste d’attesa). La soluzione online permette di evitare assembramenti presso le biglietterie.

PREZZI / Il 3 settembre l’ingresso è gratuito (ma è meglio comunque prenotarsi), a pagamento il 4 e 5: 7 euro (intero), 6 euro (intero, online); ridotto 5 euro (12-16 anni e over 65 anni), 4 euro (ridotto, online). Ingresso gratuito per i bambini fino ai 12 anni d’età.

DOPO LA PRENOTAZIONE / Al termine della prenotazione online o dell’acquisto del biglietto online – per sabato 4 e domenica 5 settembre – l’utente riceverà una mail di conferma con cui accedere direttamente ai tornelli d’ingresso in Fiera.

ACCESSO / Secondo le regole anti-covid, per garantire lo svolgimento della kermesse in tutta sicurezza. Verranno adottate rigorose misure di prevenzione in tutti gli spazi, interni ed esterni, che ospiteranno le diverse attività in programma. Molto importante: tutti i partecipanti, addetti ai lavori e non, devono avere il Green pass (decreto Legge n. 105 del 23/07/2021), ad eccezione dei bambini sotto i 12 anni. La mascherina è obbligatoria per tutti, sia all’interno che all’esterno.

INAUGURAZIONE / Si comincia venerdì 3 settembre con il taglio del nastro alle ore 14.30. Presenti il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, il presidente della Provincia di Bergamo Gianfranco Gafforelli, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, il Vescovo di Bergamo Mons. Francesco Beschi e le associazioni di categoria bergamasche Coldiretti e Confagricoltura.

IL CONVEGNO / “Il Paese riparte dall’agricoltura. Dal territorio al cibo, scenari di futuro”. Venerdì 3 settembre alle 15, convegno organizzato da Coldiretti con la partecipazione di Maurizio Martina (vicedirettore FAO), Paolo De Castro (Parlamentare Europeo già Ministro dell’Agricoltura), Fabio Rolfi (Assessore all’Agricoltura e sistemi verdi Regione Lombardia), Ettore Prandini (Presidente nazionale Coldiretti), e con il contributo video del Ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli. Ingresso su invito.

PADIGLIONE A / Dove i visitatori troveranno gli stand degli agriturismi, dell’arredo da giardino e urbano, delle numerose associazioni di categoria, dei consorzi di tutela e promozione preposti alla valorizzazione del territorio e dei prodotti tipici, delle Energie alternative e rinnovabili (area risparmio energetico e sostenibilità), della consulenza e formazione, della floricoltura e del florovivaismo.

PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI / Dimostrazioni e degustazioni guidate dei prodotti tipici e delle eccellenze agroalimentari ed enogastronomiche – salumi, formaggi, prodotti da forno per amanti del dolce o del salato, birre artigianali – del territorio orobico e di diverse regioni italiane, dalla Sardegna alla Puglia, dall’Emilia Romagna alla Sicilia.

PARCO REGIONALE DEI COLLI / Custode di un territorio di oltre 4.700 ettari che oltre Bergamo coinvolge diversi comuni confinanti, il nucleo storico di Città Alta fino alla Valle d’Astino. Sarà presente con un proprio stand.

FRECCE E CARROZZE / Nel Padiglione A è possibile cimentarsi con prove di tiro con l’arco con arcieri specializzati. Una prova di abilità e di sicuro divertimento dedicata anche a bambine e bambini dagli 8 anni. Inoltre nell’area dell’ingresso della fiera vi sarà esposizione di carrozze e carretti d’epoca per rivivere il sapore della vita dei tempi passati.

PADIGLIONE B / Protagonisti i grandi macchinari e le attrezzature professionali per il mondo rurale e zootecnico. Trattori, rimorchi, attrezzature automatiche e semiautomatiche, sistemi di monitoraggio, prodotti, utensileria, sistemi e i servizi per l’agricoltura moderna, l’orticoltura, il giardinaggio, l’equitazione, la zootecnia, macchine dedicate al settore forestale, serbatoi e cisterne trasportabili. Spazio anche alla consulenza nell’ambito di energia e ambiente e all’editoria tecnica.

AREA ESTERNA / Oltre alle aree riservate agli animali da fattoria, tanto gradite ai bambini, i visitatori possono trovare anche stand dedicati ad attrezzature, macchine e prodotti per conoscere tutte le innovazioni dell’agricoltura moderna, della zootecnia, dell’orticoltura, della floricoltura e del florovivaismo e stand dedicati alle caldaie a biomassa. Non mancano gli spazi dedicati al commercio di foraggi. All’aperto sono organizzati anche tutti gli eventi collaterali dedicati al grande pubblico.

RASSEGNE / Quella regionale di capi bovini da vita e ingrasso, l’evento che connota la Fiera di Sant’Alessandro. Momento culminante domenica 5 settembre con la premiazione delle tre “Regine di Razza della Fiera”: Frisona, Bruna e Red Holstein e di tutti i commercianti di bestiame presenti.

COLOMBI E PONY / Torna anche quest’anno la rassegna di colombi ornamentali e poi maiali, pecore, capre e cavalli. Immancabile l’appuntamento del battesimo della sella per i bambini (tutti i giorni di Fiera), che possono provare la bellezza di cavalcare un pony.

PUROSANGUE ARABI / Nelle giornate di sabato 4 e domenica 5 settembre si tiene la 9° edizione del Concorso Purosangue Arabi Show E.C.A.H.O. – categoria B Internazionale. Occasione per ammirare straordinari esemplari selezionati per la loro versatilità, eleganza, velocità, resistenza, facilità di apprendimento. Iscritti al concorso internazionale circa un centinaio di esemplari di razza purosangue arabo provenienti da Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. È possibile seguire la diretta streaming sul portale Arabian Essence WebTv, la tv online che trasmette le più importanti esibizioni internazionali di cavalli arabi.

COUNTRY-WESTERN / È una delle attrattive ludiche attira pubblico della Fiera. In programma l’Egyptian Event e le gare di campionato in monta western, disciplina che arricchisce il settore dell’equitazione americana particolarmente coinvolgente. La prova 2 X 20 ricorda il lavoro quotidiano fatto ancora oggi dai cowboy di tutto il mondo; vi prendono parte 2 cavalieri e una mandria di 20 vitelli. L’obiettivo principale è riuscire con il proprio cavallo a separare due vitelli dalla mandria e condurli con l’aiuto di un solo compagno lungo un percorso ben definito. Si tratta di una prova spettacolare e divertente. Ma non mancherà, per gli irriducibili di stivaletti e frange, l’Area Western: acquisti introvabili di abbigliamento a tema, artigianato etnico, musica dal vivo e balli di gruppo della line dance. E non può mancare il Saloon.

ANIMALI / Anche quest’anno il pubblico troverà più di duecento capi di bestiame (230) e 250 cavalli coinvolti in concorsi ed esibizioni, oltre ad altri animali da fattoria come ovicaprini, suini ed equini. Una bella opportunità, amata soprattutto dai più piccoli che, proprio alla Fiera di Sant’Alessandro hanno spesso la prima occasione di vedere da vicino e toccare con mano, sotto l’attenta vigilanza degli operatori, gli animali. Il tutto avviene con la collaborazione del Dipartimento Veterinario e Sicurezza degli alimenti di origine animale e dell’Unità operativa complessa (Uoc) Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti da lavoro del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria dell’Agenzia di Tutela della Salute (ATS) di Bergamo.

NUMERI / Da molti anni la Fiera di Sant’Alessandro in realtà è andata ben oltre i confini lombardi. Delle 163 imprese presenti quest’anno, infatti, oltre alle 126 della Lombardia (con il primato delle aziende di Bergamo, 108), 32 provengono da altre 12 regioni (Trentino-Alto Adige, Calabria, Piemonte, Puglia, Abruzzo, Emilia-Romagna, Veneto, Liguria, Marche, Sardegna, Sicilia e Toscana) e 5 dall’estero (dall’Austria, Svizzera, Francia, Equador). Un giro d’Italia tra le cose buone e belle del mondo contadino. Una dozzina le categorie merceologiche in esposizione: al primo posto il settore Prodotti tipici e Agro-alimentari, con il 38% delle imprese totali. Al secondo posto il settore delle Macchine agricole (comprese quelle a campo aperto) e attrezzature (23%), seguito da Zootecnia (9%) e Prodotti per la casa (7%).

RIPARTIRE DALLA TERRA / “Ripartiamo dalla terra, dalla caparbietà, dalla concretezza del mondo contadino e agricolo – afferma Fabio Sannino, presidente Ente Fiera Promoberg – Ripartiamo dalle tradizioni, da saperi antichi coniugati con l’innovazione e le nuove tecnologie di supporto alle aziende. Ripartiamo dalle attività del settore primario con tanta voglia di incontro e confronto con i produttori e le aziende, le eccellenze del nostro territorio e del paese. Particolare attenzione abbiamo riservato perché tutto si svolga nella massima sicurezza richiesta dall’emergenza sanitaria”.

Fabio Sannino

CHI ORGANIZZA / La Fiera è organizzata da Ente Fiera Promoberg in collaborazione con Bergamo Fiera Nuova. A fianco di queste due realtà una rete fatta di partner e sponsor (Banco BPM Credito Bergamasco, Camera di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura di Bergamo e Intesa Sanpaolo), patrocini (Provincia e Comune di Bergamo) e supporti: da Ecaho, Anica e Fitetrec Ante alle associazioni di categoria Coldiretti e Confagricoltura fino al Gruppo di Azione Locale (GAL) Val Brembana.

Sito Fiera di Sant’Alessandro

Grazie al Centro equestre Gaia Electra per l’ospitalità durante le riprese del video

Approfondimenti