93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
Domenica
17
Luglio

Trekking alla Diga al Gleno

Promoserio, in collaborazione PassOrobico, organizza un'escursione su un percorso ricco di storia e immerso nella natura.

EVENTO CONCLUSO

Questo itinerario è uno dei più conosciuti e frequentati per via della possibilità di visitare gli impressionanti ruderi della diga crollata inseriti in uno scenario naturale stupendo con poca vegetazione e caratterizzato da una serie ininterrotta di ruscelli ed alte montagne culminanti con il Monte Gleno (2882 m).
Lungo il percorso si potranno ancora osservare le costruzioni di servizio alla diga e, poco prima di raggiungere i ruderi dello sbarramento, guardando nel torrente si possono notare alcune marmitte dei giganti. La diga, costruita nel 1920-22, alle ore 7 del primo dicembre 1923 cedette e l’acqua rovinò a valle travolgendo tutto ciò che incontrò sul suo percorso.
Oggi dell’antica opera rimane un bacino lacustre di circa 250 metri di lunghezza.
Al rientro non mancherà una piccola visita al Museo dove sono presenti molti reperti storici che narrano l’enorme disgrazia.

Dettagli
Difficoltà: T <Turistico>
Dislivello: 400 mt. D+
Durata: intera giornata
Costo: adulti 20 euro
Pranzo: al sacco
Età minima: 18 anni

Abbigliamento consigliato: da escursionismo adatto alla stagione, scarponcini da trekking, zaino, mantellina impermeabile, maglietta di ricambio, 1 litro d’acqua.

Ritrovo ore 9 in piazza Papa Giovanni XXIII, a Vilminore di Scalve.
Partenza ore 9:30 dalla chiesetta di San Carlo. 

Obbligatoria la prenotazione.

L’escursione verrà annullata in caso non vengano considerate idonee le condizioni meteorologiche e ambientali per il corretto svolgimento della stessa.

Informazioni

prezzo 20 euro
email: infopoint@valseriana.eu
Visita il sito
Telefono : 035.704063

Organizzatore

Val Seriana

Ponte Nossa

035.704063

Data e Ora

Inizio: domenica 17 luglio 2022 09:00

Fine: domenica 17 luglio 2022 16:00

Luogo e località
Piazza Vilminore

Vilminore di Scalve, Piazza Papa Giovanni XXIII