93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
< Home

La nona edizione di «Gromo sempre in forma» celebra il formaggio

Articolo. Arriva la bella stagione, torna la voglia di stare insieme e di riscoprire tradizioni che avevamo un po’ messo nel cassetto. Ed è per questo che ritornano gli eventi e le sagre, come quella in programma domani a Gromo. Una manifestazione dedicata ai prodotti caseari e alla cultura della Val Seriana, con appuntamenti ludici, musicali ed enogastronomici da non perdere. Ecco il programma

Lettura 3 min.
Gromo

Segnatelo in agenda e non prendete altri impegni: sabato 21 maggio dalle ore 10 alle 18, in Piazza Dante, va in scena «Gromo sempre in forma», la tradizionale sagra del formaggio, quest’anno alla sua nona edizione.

Presenti alla manifestazione diversi produttori e artigiani del territorio. Una serie di stand offriranno prodotti tipici bergamaschi, come formaggi, miele e salumi, il Moscato di Scanzo e prodotti naturali come confetture, salse e succhi di frutta, sempre prodotti nei comuni limitrofi. E ancora, lo zafferano prodotto a Fino del Monte, in val Seriana. Partecipa all’evento anche la scuola dell’infanzia di Gromo, con torte fatte in casa dalle mamme. Una speciale bancarella ospiterà infine un gruppo di ragazze ucraine rifugiate nel comune di Valgoglio, che proporrà al pubblico presente una serie di oggetti decorativi fatti a mano.

L’intera giornata sarà accompagnata dall’intrattenimento musicale: Armido Manzoni, durante la mattinata, con il suo repertorio di musica popolare bergamasca suonata con fisarmonica e tastiera; il gruppo Rataplam durante il pomeriggio.

L’edizione del 2019
(Foto Orobie)

Per il pranzo, i visitatori potranno scegliere tra una serie di ristoranti convenzionati con i curatori della manifestazione. Ma poi tutti di nuovo in piazza per un pomeriggio ricco di appuntamenti. Fino alle ore 18, laboratori gastronomici per bambini con diverse attività divertenti ed educative e lo showcooking a cura degli studenti dell’istituto ABF Alberghiero di Clusone.

L’appuntamento più importante è alle ore 16.30, orario in cui si tiene la premiazione del concorso caseario che, come ogni anno, ha l’obiettivo di favorire il confronto tra i produttori e di promuovere le produzioni casearie locali.

«“Gromo Sempre In Forma” è la sagra del formaggio basata sulle tradizioni e ha l’obiettivo di dare risalto alle produzioni casearie locali», dichiara il Vicesindaco con delega agli eventi Dott. Matteo Oprandi, «i nostri produttori sono dei grandi lavoratori, ma hanno bisogno di essere supportati nel far conoscere e nel pubblicizzare i loro prodotti. Siamo alla nona edizione, dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia da Covid-19, e siamo particolarmente felici di ritrovarci quest’anno. Il concorso si svolgerà in Sala Consiliare del Palazzo comunale e prevede 5 categorie con due novità: oltre alle solite formaggella (I e II premio), formaggio di monte (I premio) e stracchino (I e II premio), abbiamo introdotto formaggio ovino e formaggio caprino. A giudicare i 18 formaggi iscritti, sarà la giuria di ONAF (Organizzazione Nazionale degli Assaggiatori di Formaggio) che sin dalla prima edizione collabora con noi. Oltre alla giuria tecnica, c’è una giuria popolare, composta da alcuni membri delle associazioni del paese, che chiaramente rappresenta quello che è il gusto del consumatore e che assegnerà un premio speciale. Oltre alla parte di concorso, la manifestazione sarà allietata da intrattenimenti vari. I nostri ringraziamenti vanno ad ONAF, ai componenti della giuria popolare e quindi alle associazioni del paese e alla commissione biblioteca, ai produttori e a tutti coloro che parteciperanno con entusiasmo alla nostra manifestazione».

Il concorso caseario

Il comune di Gromo, in occasione della sagra del 21 maggio, indice un concorso dedicato ai produttori caseari del territorio. Possono partecipare solo quelle aziende – produttori singoli o caseifici – che operano in val Seriana, e che rispettano standard e disciplinari che regolamentano la produzione di formaggio.

I prodotti in gara sono suddivisi in quattro categorie. La formaggella della val Seriana con una stagionatura tra i 30 e i 60 giorni, oppure superiore ai 60. Lo stracchino con stagionatura tra i 10 e i 20, oppure superiore ai 20 giorni. Il formaggio di Monte, prodotto tipico della val Seriana preparato con latte vaccino crudo a cui viene tolta la panna, stagionato almeno 3 mesi. Infine – novità 2022 – la categoria “formaggio ovino-caprino” e relative sottocategorie (a pasta molle, semidura, a crosta fiorita, erborinati ecc), novità che vuole celebrare prodotto sì gustosi, ma meno conosciuti rispetto agli altri formaggi della zona.

La degustazione avverrà alla cieca e sarà svolta da una giuria tecnica nominata dal Comitato organizzatore e composta da esperti in valutazione sensoriale di formaggi. Si tratta di membri dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di formaggi (ONAF). Infine, una componente popolare che emetterà il proprio giudizio di gradimento al consumo.

La giuria tecnica utilizzerà come metro di valutazione una scheda ONAF a punti, da 0 a 100, per sottolineare pregi e difetti di ogni singolo formaggio in gara. La giuria popolare valuterà invece secondo il proprio gusto personale, compilando una scheda dal punteggio massimo di 30 punti. Ci saranno dunque due classifiche: una assegnata dalla giuria tecnica, la seconda da quella popolare.

Veduta di Gromo
(Foto Pierfausto Gandelli)

Verranno premiate le due migliori formaggelle della val Seriana, i due stracchini più buoni, il miglior formaggio di monte, i più votati formaggi caprini e ovini. Previsto inoltre un premio speciale, assegnato a chi avrà ottenuto maggiori voti dalla commissione popolare. Alla fine della premiazione, i formaggi vincitori verranno offerti in degustazione al pubblico presente.

Quali saranno i formaggi vincenti del 2022? Lo scopriremo in diretta, durante la pubblica cerimonia di premiazione, proprio questo sabato 21 maggio.

La manifestazione «Gromo sempre in forma» è organizzata dall’Amministrazione comunale di Gromo con il patrocinio di ONAF, Comunità Montana Valle Seriana e Coldiretti Bergamo.

Approfondimenti