93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
< Home

ATuXTour. Fino al 7 novembre un progetto in rete per la musica emergente

Articolo. L’iniziativa per candidarsi e aggiudicarsi un tour regionale in sette diversi locali, un corso di formazione con professionisti del settore e l’opportunità di fare rete con altre realtà musicali. Da un’idea di Ink Club, un’occasione per superare le criticità che ogni band emergente affronta nel farsi strada nel mondo della musica

Lettura 2 min.
(foto Kostadin Atanasov)

Sette club indipendenti in tutta la Lombardia per un progetto per valorizzare la musica emergente e creare una rete di relazioni tra artisti e club per ripartire insieme, superando le difficoltà connesse ai primi passi nel mondo del booking musicale e facendosi conoscere anche al di fuori del proprio territorio. Dopo lo stop della pandemia e le criticità incontrate dai club per riprendere a organizzare concerti live, Ink Club ha ideato e promosso ATuXTour, un progetto per band emergenti che nasce in collaborazione con Bloom di Mezzago, Arci Base di Palazzolo sull’Oglio, Arci Tom di Mantova, Arci La Lo. Co. di Lecco, Arci Bellezza di Milano e Arcipelago di Cremona.

Già prima della pandemia gli emergenti faticavano a imporsi dal vivo, ora la situazione è anche peggiorata – spiega Dimitri Sonzogni di Ink Club – I promoter naturalmente sono portati a investire su nomi noti, piuttosto che su potenziali scommesse. Ecco perché nasce ATuXTour: per offrire visibilità ai progetti emergenti che riescano a farsi notare”.

Non solo band

L’attenzione di questo progetto non è solo per chi sta sul palco, ma è anche rivolta alle realtà impegnate a promuovere cultura musicale in Lombardia: “fare rete tra club di questi tempi è fondamentale – continua Dimitri – anzitutto per lo scambio di buone pratiche, idee, consigli, e in secondo luogo, ai fini del progetto, ma non solo, per avere più palchi pronti a ospitare progetti musicali meritevoli. Con questi obiettivi chiari in testa, per me costruire la proposta di ATuXTour è stato del tutto naturale e così pure i locali coinvolti hanno risposto con entusiasmo, e anche le candidature stanno arrivando numerose”.

L’Ink Club di Bergamo

Indipendenti ed emergenti, insieme. Un binomio che Giordano Sangiorgi, il patron del Meeting delle Etichette Indipendenti, la manifestazione di riferimento del settore ha messo al centro della sua lettera aperta in difesa della musica indipendente, sottolineando quanto sia importante che “i fondi ministeriali per autori ed editori, artisti interpreti ed esecutori, festival e contest, arrivino a tutti i protagonisti della scena musicale, senza lasciare indietro nessuno, in particolar modo gli esordienti e gli emergenti che, oltre ad introitare perché sono ad avvio di carriera”. Una particolare attenzione, infatti, è andata anche a questo tipo di manifestazioni: “anche i festival e i contest per emergenti, capaci di innovare la tradizione della nostra musica con il loro impegno e passione, dopo un anno e mezzo durissimo, meritano di vedere riconosciuto il loro lavoro attraverso sostegni di rilievo, per non perdere tutta la filiera della nuova musica del nostro Paese”.

Come partecipare

Fino al 7 Novembre sui canali social di ATuXTour è aperta una chiamata pubblica rivolta ai soli progetti lombardi che si sono esibiti per la prima volta in pubblico dopo il primo gennaio 2018 e che possano proporre una scaletta di brani originali di ogni genere musicale di almeno mezz’ora, senza limiti di età. Per partecipare alla manifestazione è sufficiente scrivere alla mail atuxtour.network@gmail.com, inviando un video di presentazione di un minuto e mezzo, corredato dal materiale audio-video di supporto.

Un progetto per fare rete

I direttori artistici dei locali membri di ATuXTour valuteranno le candidature e stileranno una classifica personale dei primi dieci progetti, con un punteggio da 1 a 10 assegnato dalla decima alla prima posizione. Da queste sette classifiche entro il 15 novembre sarà stilata e diffusa sui canali ufficiali del progetto una Top 7 generale, con i sette partecipanti alla prima edizione di ATuXTour.

Ciascuno di essi si esibirà poi mensilmente su ogni palco dei locali della rete, con rimborso spese, assistenza tecnica, copertura dei costi legati al diritto d’autore e ospitalità garantiti. Le esibizioni potranno essere programmate a supporto di altri artisti e avranno una durata minima di 30 minuti e ogni band avrà ulteriore visibilità grazie a interviste condotte dalle realtà ospitanti, oltre a un ciclo di incontri online di 6 ore con professionisti dello spettacolo offerto da Ink Club.

Grazie a questo programma, già a partire dalla prima edizione, si gettano le basi per costruire una rete di relazioni tra artisti e artiste, locali, promoter e realtà legate alla musica, nell’ottica di valorizzare e promuovere la musica emergente contemporanea.

Pagina Facebook AtuXtour

Approfondimenti