< Home

La formazione per allenare le soft skill

La velocità con cui ricerca e tecnologia cambiano l’ambito in cui ciascuno di noi lavora e opera impone una continuità al percorso della propria formazione. Eppure risulta difficile, in un’azienda, motivare gli investimenti nella formazione non strettamente “tecnica”, come è quella per le competenze trasversali. In questo articolo la risposta alle domande che si presentano a chiunque voglia investire sulla formazione delle soft skills.

Lettura meno di un minuto.

Ma che cosa sono le competenze. E come fare a riconoscerle se il ritmo con cui la tecnologia propone soluzioni sempre più avanzate e innovative fa apparire le competenze di ieri già obsolete e superate?Skille nei suoi approfondimenti settimanali ha dedicato alle soft skills ampi articoli, ciascuno ne ha sottolineato l’importanza nella vita aziendale, collegandole a situazioni ben definite e alle dinamiche più generali dell’interazione.
Si è parlato, ad esempio, di come gestire le riunioni e di come raccogliere i suggerimenti dei dipendenti, ma anche di idee e strumenti per affrontare problemi generali legati alla condivisione, all’engagement, all’esercizio della leadership, alla meritocrazia ecc.

Si è parlato, ad esempio, di come gestire le riunioni e di come raccogliere i suggerimenti dei dipendenti, ma anche di idee e strumenti per affrontare problemi generali legati alla condivisione, all’engagement, all’esercizio della leadership, alla meritocrazia ecc.

A questo punto non resta che questa domanda: quali caratteristiche deve avere una formazione orientata allo sviluppo e al mantenimento delle soft skills, se un buon livello di queste abilità incide molto positivamente su processi e risultati aziendali?
Fare formazione è perciò molto utile, ma come fare? Come si possono allenare le soft skills? E come si possono rilevare gli esiti di questo tipo di formazione?
Sono le domande a cui risponde il nuovo approfondimento di Skille attraverso il longform preparato dal nostro esperto Luca Mori. Una guida e un insieme di consigli molto pratici per provare ad affrontare le domande che inevitabilmente si presentano a chiunque voglia investire sulla formazione delle soft skills.

Leggi altri articoli
Buone pratiche per il passaggio alla mobilità elettrica nelle città
Le città e la qualità dell’aria sono i veri alleati dell’auto elettrica. Lo rivela chiaramente la recentissima quarta edizione del rapporto “Mobilitaria – Politiche …

Digitalizzazione: dopo il Covid è il momento di fare il balzo
La voglia di ripartire c’è, ed è tanta. Ma le imprese sono pronte a cavalcare l’onda? Senza voler rovinare il ritrovato (e atteso) clima …

Ecco cosa rende un’impresa attrattiva per i giovani talenti
La storia di Easytech, azienda bergamasca alle prese con la ricerca di profili professionali che non trova. Spesso però è anche responsabilità delle imprese, …

Come valorizzare le idee dei dipendenti
Basta una semplice cassetta. È un’invenzione con un unico obiettivo: raccogliere idee per migliorare le condizioni e la qualità del lavoro. Come? Aprendo un …