93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
Domenica
30
Agosto

Chiedimi se sono di turno

All'interno delle celebrazioni per Sant'Alessandro 2020, deSidera Festival porta al Lazzaretto di Bergamo uno spettacolo di Giacomo Poretti.

EVENTO CONCLUSO

All'interno delle celebrazioni per Sant'Alessandro 2020, deSidera Festival porta al Lazzaretto di Bergamo uno spettacolo di Giacomo Poretti, per la regia di Andrea Chiodi. 

Il protagonista di questo monologo aveva immaginato per sé un avvenire radioso come calciatore, astronauta o avvocato di grido; ma la sorte è a volte sorprendente, talvolta bizzarra, e quasi sempre misteriosa, e così, mentre sta per ricevere il pallone d’oro, aprendo gli occhi si ritrova nelle proprie mani una scopa di saggina. Partito dai bagni finirà sulla scrivania del Capo sala, dopo un vorticoso viaggio per tutti i reparti dell’ospedale, attraverso letti da rifare, suore, dottori, malati veri e immaginari, speranze di guarigione e diagnosi che spengono i sorrisi, sempre con due amici fidati: la scopa di saggina e il pappagallo.
Il pappagallo è lo strumento detestato da tutti in ospedale, chi lo deve usare, chi lo deve pulire, il Primario non lo vuole vedere, i parenti lo vogliono occultare. Ma attraverso il pappagallo passa tutta l’umanità, tutta la delicatezza, tutta la vergogna e il rispetto di quando si ha bisogno d’aiuto e di qualcuno che tenga compagnia alla nostra fragilità.

In anteprima a Bergamo, come omaggio alla città che più di ogni altra si è trovata a lottare e soffrire in questi mesi passati, viene presentata la versione aggiornata dello spettacolo che comprende la riflessione sul reparto dove vengono ricoverati gli anziani, la geriatria, e la nuova misteriosa e temibile malattia: il covid 19.

Biglietti su vivaticket.com

 

Informazioni

prezzo 7 euro
email: info@teatrodesidera.it
Visita il sito

Organizzatore
Data e Ora

Inizio: domenica 30 agosto 2020 21:30

Fine: domenica 30 agosto 2020 23:00

Luogo e località
Lazzaretto di Bergamo

Bergamo, Piazzale Lodovico Goisis