93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
Sabato
26
Novembre

L'aio nell'imbarazzo

Per il Donizetti Opera Festival, viene portato in scena uno dei primi grandi successi di Donizetti, rappresentato a Roma nel 1824.

EVENTO CONCLUSO

"L'aio dell'imbarazzo" è un'opera buffa sul modello rossiniano dove affiora però già lo scavo psicologico delle grandi commedie della maturità.
Presentato nella nuova edizione critica di Maria Chiara Bertieri per la Fondazione Teatro Donizetti, è il titolo della Bottega Donizetti, la nostra bottega rinascimentale dove il basso-baritono bergamasco Alex Esposito trasmette sapere teatrale e tecnica vocale ai giovani cantanti selezionati in tutto il mondo. A loro è affidato "L’aio nell’imbarazzo", ma con le presenze carismatiche dello stesso Esposito nella parte del titolo e del glorioso Alessandro Corbelli in quella di Don Giulio, il padre che tiene segregati i figli in casa per paura delle donne. Dirige un altro giovane come Vincenzo Milletarì, la regia è firmata dal direttore artistico del Festival, Francesco Micheli. Con l’Orchestra e il Coro del Festival.


TRAMA

Atto I
L’azione si svolge a Roma, nel palazzo del rigido marchese don Giulio Antiquati. Costui, vedovo, ha affidato i due figli, Enrico e Pippetto, all’aio, il precettore don Gregorio. I due ragazzi, il maggiore dei quali ha già 25 anni, vengono tenuti segregati in casa con l’assoluto divieto di frequentare donne. Nella prima scena, Gregorio sta facendo lezione a Pippetto, il secondogenito tonto del marchese, che è innamorato dell’anziana cameriera Leonarda. Ma Gregorio, uomo buono e comprensivo, è preoccupato soprattutto per Enrico, sempre triste e scontroso. Anche don Giulio se n’è accorto e ne parla all’aio: ma alla proposta di quest’ultimo di dare al figlio un po’ di libertà e di permettergli di frequentare delle donne si inalbera e lo vieta. Poi esce di casa per andare dal ministro.
Enrico, disperato, si confida con Gregorio e introduce in casa Gilda, figlia del defunto colonnello Tallemani, la vicina di casa con la quale ha una relazione, che ha segretamente sposato e dalla quale ha avuto un figlio, Bernardino. Gregorio dapprima è scandalizzato; poi, toccato dalle suppliche della coppia, decide di aiutarla. Il marchese rientra prima del previsto. Gregorio fa appena in tempo a nascondere Gilda nella camera di Enrico, poi la fa spostare nelle sue stanze. Ma Leonarda l’ha visto, crede che la donna sia l’amante dell’aio e induce Pippetto a denunciarlo al padre. Il marchese allora spiega a Gregorio che avrà bisogno del suo appartamento per ospitarci un nipote in visita. Gregorio è imbarazzatissimo, ma è ormai l’ora di pranzo e tutti si mettono a tavola.

Atto II
Nelle stanze di Gregorio, Gilda è preoccupata per il figlio che ha bisogno della poppata. Ma non può uscire dal palazzo perché sarebbe scoperta: Gregorio accetta allora di andare a cercare il bambino. Partito Gregorio, arriva il marchese che scopre Gilda con Enrico e si infuria. Torna Gregorio con il bebè. Il furore del marchese raddoppia e annuncia che caccerà il figlio da casa. Gilda minaccia di uccidere il bambino e poi di uccidersi: Giulio, toccato, perdona il figlio, lei e Gregorio. Pippetto chiede di sposare Leonarda ma il marchese rifiuta e la cameriera confessa allora di non averlo mai amato; Gilda canta il coraggio delle donne e l’opera termina nel giubilo generale.

Prenota i biglietti a questo link (fuori abbonamento).


Melodramma giocoso in due atti a sette voci
di Jacopo Ferretti
Musica di Gaetano Donizetti

Direttore Vincenzo Milletarì
Regia Francesco Micheli
Scene Mauro Tinti
Costumi Giada Masi
Lighting design Peter van Praet
Video Studio Temp
Drammaturgo Alberto Mattioli

Il marchese Giulio Antiquati Alessandro Corbelli
Gregorio Cordebono Alex Esposito
e con gli Allievi della Bottega Donizetti

Orchestra Donizetti Opera
Coro Donizetti Opera
Maestro del Coro Bruno Casoni

Nuovo allestimento della Fondazione Teatro Donizetti

Informazioni

prezzo Da 15 a 110 euro
email: info@fondazioneteatrodonizetti.org
Visita il sito
Telefono : 035.4160600

Organizzatore

Fondazione Teatro Donizetti

Bergamo

035.4160 601/602/60

Data e Ora

Inizio: sabato 26 novembre 2022 20:00

Fine: sabato 26 novembre 2022 22:20

Luogo e località
Teatro Donizetti

Bergamo, Piazza Cavour 15