93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
Sabato
21
Novembre

Transumanza (Patrimonio UNESCO) e Alpfoodway (Candidatura UNESCO)

Il progetto "Forme Creative" presenta un Cheese Forum per ascoltare professionisti ed esperti del settore.

EVENTO CONCLUSO

Transumanza e formaggio: percorsi di storia, gusto ed esperienza territoriale Sono molte le tradizioni casearie legate alle migrazioni periodiche del bestiame da latte nell'ambito delle catene montuose e tra queste e le pianure. Un fenomeno storicamente legato alle tante catene montuose (Alpi, Carpazi, Pirenei, …). Questo sistema, praticato tra le Alpi e la Pianura Padana a Sud (ma anche in Svizzera verso i fondovalle), ha diffuso, in aree pedemontane e di pianura, le tecniche di caseificazione elaborate nel corso di un'evoluzione millenaria sui pascoli di montagna. Alla transumanza sono legati i più importanti formaggi del Nord e del Sud Italia (al Nord i vari Raschera, Bra, Asiago, Montasio, Gorgonzola, Taleggio, Quartirolo, Bitto, Formai de Mut), al Sud il Caciocavallo. Lo stesso Grana è legato storicamente alla transumanza ed è frutto di un'innovazione introdotta dai malghesi transumanti medievali. Il nesso tra tradizione casearie e transumanza non è però solo storico: la transumanza è ancora una tradizione viva. Spostare gli animali alla ricerca dei pascoli migliori significa ottenere prodotti la cui qualità è fortemente legata a quella del pascolo, alla grande ricchezza di specie botaniche che esaltano le componenti salutistiche e sensoriali del prodotto finito, il formaggio, una componente chiave della dieta alpina (l'AlpfoodWay, oggi oggetto di una candidatura transnazionale UNESCO).
Formaggio e transumanza diventano le chiavi per la costruzione di itinerari culturali e gastronomici che si snodano attraverso i paesaggi rurali storici, i luoghi di produzione artigianale, riproponendo quelle relazioni tra città e montagna, tra pianura e montagna, raccordando pascoli, itinerari, luoghi di stagionatura, centri tradizionali di fiere e mercati.

Coordinamento:
- Michele Corti, Università Statale di Milano, docente di Zootecnia si è occupato in particolare di ricerche sui pascoli, razze autoctone, sistemi di produzione zootecnica e casearia tradizionali, anche da un punto di vista storico. È presidente del Festival del Pastoralismo.

Moderatore:
- Alberto Lupini, giornalista, economista, storico della gastronomia. Direttore di Italia a Tavola

Intervengono:
- Agostina Lavagnino: Direzione Generale Autonomia e Cultura Regione Lombardia - Archivio di Etnografia e Storia Sociale
- Roberto Rubino: Presidente Associazione ANFOSC – Associazione Nazionale Formaggi Sotto il Cielo
- Carmelina Colantuono: Transumante molisana

 

Clicca qui per accedere all'incontro.

 

Informazioni

prezzo Accesso libero
email: info@progettoforme.eu
Visita il sito

Data e Ora

Inizio: sabato 21 novembre 2020 14:30

Fine: sabato 21 novembre 2020 15:30

Luogo e località
evento online

Bergamo