93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
< Home
SPONSORIZZATO

Gratis, diversa, imperdibile: arriva “Sguardi all’insù”, rassegna di deSidera per bambini e ragazzi

Articolo. Tanti i titoli mai rappresentati a Bergamo. Si comincia sabato 3 luglio al castello di Solza con “I viaggi di Giovannino Perdigiorno”

Lettura 3 min.
Il grande gioco

È la prima volta che deSidera, che da anni propone i suoi spettacoli teatrali nei luoghi più suggestivi di Bergamo e provincia, si dedica anche ai più piccoli. Lo fa inaugurando una nuova rassegna: “Sguardi all’insù”: nove spettacoli di compagnie da tutta Italia che allieteranno l’estate delle famiglie bergamasche. Un mini cartellone ospitato nei comuni del Sistema Bibliotecario dell’Area Nord – Ovest di Ponte San Pietro che hanno deciso di aderire all’iniziativa.

“Il Sistema Bibliotecario di Ponte San Pietro ha voluto coinvolgere il festival deSidera in questa avventura che attendevamo da molti anni. Questa prima edizione rappresenta un numero zero, una prova d’autore che vorremmo continuasse negli anni a venire”, spiega Gabriele Allevi, direttore artistico della manifestazione insieme a Eraldo Maffioletti e Chiara Bettinelli.

I musicanti di Brema

Tutti gli spettacoli sono a ingresso libero, con prenotazione. In caso di pioggia si terranno al chiuso. Sul sito, sulla newsletter e sulla pagina Facebook verranno indicate, per ciascuno spettacolo, le modalità con le quali riservare un posto. Per informazioni 347.1795045 o consultare il sito www.teatrodesidera.it

Un territorio da scoprire

“Abbiamo programmato questa rassegna nei mesi del lockdown, pensando che le famiglie avrebbero voluto uscire”, spiega Marco Locatelli, Coordinatore del Sistema Bibliotecario che ospita la rassegna. Tra i luoghi della manifestazione, alcuni rappresentano un’assoluta novità per deSidera Festival come ad esempio Solza, Valbrembilla, Chignolo d’Isola e Crespi d’Adda. “Anche nei piccoli centri il pubblico chiede qualità, e se la proposta è valida è disposto a spostarsi”, prosegue Locatelli.

Portare i bambini a teatro diventa così un modo per scoprire piccole perle del nostro territorio, come il Castello Colleoni di Solza, nei pressi dell’Adda, terra di confine dove si contrapposero a lungo il Ducato di Milano e la Repubblica di Venezia. Qui, sabato 3 luglio dalle 16 alle 20, ci sarà l’installazione ispirata alla poetica di Gianni Rodari “I viaggi di Giovannino Perdigiorno”, a opera del gruppo teatrale milanese “Pane e Mate”. Un percorso ludico composto da dieci postazioni interattive per bambini dai 3 anni in su, allestito all’aperto (prenotazione non necessaria).

I viaggi di Giovannino

Secondo appuntamento all’anfiteatro Le Mura ad Almenno San Bartolomeo, uno spazio verde ideale per le rappresentazioni teatrali. Qui, giovedì 8 luglio alle 21, va in scena “Il grande gioco”, spettacolo tout public con lo storico attore del Teatro Pirata di Jesi Silvano Fiordelmondo insieme a Fabio Spadoni, attore con sindrome di Down, in una storia che commuove e diverte. Prenotazioni online.

Una vera chicca è la piazzetta di Cadelfoglia, nel borgo storico della Val Brembilla (via San Sebastiano), un angolo estremamente suggestivo delle nostre valli, che ospiterà venerdì 9 luglio alle 21 “I musicanti di Brema” di Kosmocomico Teatro (Prenotazioni online oppure mail a mbiblioteca@comune.valbrembilla.bg.it). Lo spettacolo sarà replicato giovedì 15 luglio alle 16,30 presso il teatro parrocchiale di Ubiale Clanezzo (prenotazione telefonica: 347 1795045). La favola è quella classica, in un allestimento strepitoso di teatro di figura, con musiche dal vivo della tradizione folk francese.

Il faticoso piacere di uscire di casa

Andare a teatro impone di rinunciare alla pigrizia, programmare di uscire (con i bambini un impegno doppio), prendersi un impegno. Una fatica ripagata da spettacoli di alta qualità, che regalano momenti di magia ai più piccoli, rilassano i genitori e aprono il dialogo in famiglia.

Merito della rassegna, portare alcuni dei migliori spettacoli delle più note compagnie di teatro ragazzi del panorama nazionale, in anteprima nella provincia. “Ci sono molte compagnie di livello strepitoso, dall’entusiasmo ne avevamo scelte 30, prima di selezionare queste. Per noi è l’inizio di un percorso, che siamo felici di fare con i bibliotecari, vera spina dorsale del sistema, che sanno come interessare il loro pubblico di riferimento”, spiega Allevi.

La cucina magica

È dedicato al tema del gusto del cibo e del diritto al gioco – mai messo così in discussione come nei mesi passati – “Frullallero”, dei torinesi di “Assemblea Teatro”, sabato 10 luglio alle 21 al parco del Comune di Presezzo. Lo spettacolo si dipana intorno al tema del cibo e dei sapori, del mangiare e dell’essere mangiati, con storie, giochi, canzoni da gustare (prenotazioni qui). Segue il filone del cibo anche lo spettacolo successivo: “La cucina magica”, il 16 luglio alle 21 nel cortile della biblioteca di Bonate Sotto. Lo spettacolo mischia magia, comicità visuale e teatro fisico in un mix originale adatto a grandi e piccoli (prenotazione online e, solo per residenti , anche telefonica allo 035 4996028).

Varietà di tecniche e linguaggi

Come già si capisce dai primi spettacoli in programma, “Sguardi all’insù” propone spettacoli molto vari, che spaziano dal teatro d’attore, alle marionette, alle installazioni, alle clownerie. “Ogni scelta è pensata per la famiglia, con tecniche diverse per tono e linguaggio”, spiega la direttrice artistica Chiara Bettinelli.

Il gatto con gli stivali
(Foto Collaboratore Eppen)

Molto originale, da questo punto di vista, la lettura che la Bottega Buffa Circovacanti fa de “Il gatto con gli stivali”, il 23 luglio alle 21 al castello di Clanezzo. Alla classica favola, interpretata da attori, si mescolano le maschere della Commedia dell’Arte, in uno spettacolo fruibile a partire dai 3 anni (prenotazione online).

Tra le diverse tecniche, anche il mimo, proposto dai Fratelli Caproni, storica coppia comica che venerdì 6 agosto porterà nel cortile della biblioteca di Bonate Sotto “L’omino del pane e della mela”, fra gag e pantomime (prenotazione online e, solo per residenti, anche telefonica presso la Biblioteca di Bonate Sotto 035 4996028).

La rassegna si chiude con gli ultimi due spettacoli di settembre. “La strada dell’orto” è un classico del Teatro del Buratto, proposto in un percorso interattivo nel parco della biblioteca di Chignolo d’Isola, sabato 4 settembre alle 16 e alle 17.30 (online o mail a biblioteca@comune.chignolodisola.bg.it o prenotazione telefonica 035 908222)

Il teatro di Crespi d’Adda ospiterà “La ciambella addormentata nel… forno” della compagnia toscana Nata Teatro, sabato 18 settembre (online o prenotazione telefonica presso la Biblioteca Comunale “Villa Carminati” 02 90963277).

Consulta qui il calendario completo di Sguardi all’insù

Pagina FB deSidera Teatro Festival

Approfondimenti