Seriate, raid teppistico contro il sindaco «Non ho paura». Il Pd: «Gesto becero»
Gli appuntamenti del weekend
Tags
L’omaggio di Sidney alle vittime del terrorismo Foto del Giorno L’omaggio di Sidney alle vittime del terrorismo

Il governo è debole
Napolitano fa il tutor

di Filippo Pizzolato
Il governo è debole Napolitano fa il tutor

Sono tanti i motivi di interesse istituzionale presenti nei due recenti interventi del presidente Napolitano: quello del 16 dicembre, nella cerimonia per lo scambio degli auguri di fine anno con i rappresentanti delle istituzioni e della società civile; e quello del 18 dicembre, per gli auguri del corpo diplomatico, in cui egli ha anche rivelato l’imminenza delle sue dimissioni.

Come siamo social

di Giorgio Gandola
Come siamo social

Ventidue milioni di italiani non hanno mai utilizzato Internet. Dal tono degli articoli dei giornali dovrebbero anche sentirsi in colpa per non essere sufficientemente digitali.

L’allungo sul Cagliari
come regalo di Natale

L’allungo sul Cagliari come regalo di Natale

Un motivo di consolazione comunque di sarà. Grazie a Zeman. Anche perdendo, l’Atalanta si congederà dal 2014 fuori dalla zona retrocessione, visto che il Cagliari ha già giocato e perso contro la Juventus restando terzultimo a -2 dai bergamaschi.

Da Bonate Sopra alla Romania
Vivo sulle punte la magia di Natale

di Angelo Monzani
Da Bonate Sopra alla Romania Vivo sulle punte la magia di Natale

Sara Previtali, ballerina di 25 anni, si prepara a portare in scena «Lo schiaccianoci». Il libretto è ambientato nella notte della Vigilia sulle note di Ciaikovskij. Il debutto al «Teatrul De Balet Sibiu» dove vive e lavora insieme a Manuel. Formatasi all’Accademia del Teatro alla Scala di Milano, si è esibita sui palcoscenici di mezzo mondo, da Seul a Sarajevo fino al Teatro Eliseo di Roma

Chi crede in Dio campa
100 anni. Ma è vero?

Chi crede in Dio campa 100 anni. Ma è vero?

In Avvento, nella liturgia della Parola, il Signore promette spesso di venire a consolare il suo popolo. Nel Nuovo Testamento poi campeggia la promessa di consolazione fatta da Gesù agli afflitti che quindi si possono dire paradossalmente beati. Lo stesso discorso vale per quelli che piangono. Beati loro, perché poi rideranno. Dio stesso asciugherà le loro lacrime.

Video del giorno