93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
< Home

Cinque cose belle da fare a Ferragosto a Bergamo e in provincia

Guida. Dalle camminate in montagna ai fuochi d’artificio, passando per il cinema en plein air e le mostre itineranti. Non preoccupatevi se non sapete come trascorrere il vostro lunedì di festa. Ci sono i consigli della redazione di Eppen

Lettura 3 min.

C’è chi, all’inizio dell’estate, è già stato inserito in un fantomatico gruppo WhatsApp dal titolo «Grigliata di Ferragosto». C’è chi consulta le previsioni meteo settimane prima – non sia mai che salti la gita programmata, chi preferisce invece approfittare della chiusura dell’ufficio per rilassarsi davanti a un buon libro… e al condizionatore acceso.

Ferragosto è uno di quei giorni in cui fare qualcosa sembra quasi d’obbligo, un po’ come a Capodanno. Se ancora non sapete dove andare lunedì, però, non temete. Il nostro territorio offre talmente tante occasioni di divertimento che c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Una camminata in montagna… con mangiata

Cominciamo con un grande classico. Ai bergamaschi, si sa, piace andare in montagna. Nelle settimane scorse, vi abbiamo consigliato un paio di itinerari niente di male: potreste esplorare la Val Mora, oppure percorrere il sentiero di Honio, con un tuffo presso la «Coston Beach».

Nella suggestiva cornice dei pascoli del Monte Farno, lunedì 15 agosto si terrà la tradizionale «Festa dell’Assunta», mentre la località di Fonteno accoglierà i visitatori con tanta musica dal vivo, gonfiabili per bambini, carne alla brace, birra e i famosi ravioli. Se siete in zona, approfittane per percorrere il sentiero partigiano «Strada della battaglia di Fonteno 31 agosto ‘44». Un itinerario aperto di recente, che ripercorre i momenti della più importante battaglia della Resistenza bergamasca tra i comuni di Fonteno, Adrara San Rocco e Endine Gaiano, con pannelli illustrativi bilingui, totem, foto storiche e sagome.

La conca pascoliva dell’alta Val Mora
(Foto Camillo Fumagalli)

E poi ancora, se siete appassionati di camminate (e di abbuffate), potete fare tappa al Rifugio Campel o al Rifugio Due Baite, entrambi aperti lunedì. Il borgo di Ardesio si anima con il «Ferragosto Ardesiano», ricco di concerti, spettacoli e mercatini per tutti i gusti, mentre Clusone vi sfida a scalare il celebre Palo della Cuccagna… se non avete mangiato troppo.

Una gita sul lago

Non sentitevi in colpa se alle montagne preferite il lago. Del resto, bastano due passi a Lovere per rimanere a bocca aperta davanti ai palazzi del paese, illuminati di mille colori. Quest’anno, i protagonisti dell’XI edizione del progetto «Lovere, il Borgo della luce» sono i Beatles, nell’opera di Marco Lodola, tra gli artisti contemporanei italiani più celebri e influenti.

Lovere, il Borgo della luce
(Foto Francesco Moretti)

Restate sul lago di Iseo, ma spostatevi a Riva di Solto, per la tradizionale «Sagra di San Rocco»: vi aspettano tanto cibo, tributi corali, una tombolata e soprattutto una suggestiva processione con le barche con accompagnamento musicale a cura della Banda della Collina. E poi ancora, quale occasione migliore di Ferragosto per una gita a Monte Isola? Lunedì, alle 16.30, presso il borgo di Peschiera Maraglio si terrà la «Voga Longa», tradizionale regata con l’imbarcazione tipica del Lago d’Iseo, il «Naet».

Più piccolo, ma non meno ricco di bellezze è il vicino lago di Endine. Approfittate del caldo pomeriggio per un gelato a Monasterolo del Castello, due passi nella bella Spinone, oppure per partecipare a una visita guidata nella Buca del Corno di Entratico. Nata come semplice riparo e luogo sacro nell’antichità, oggi la grotta è un’interessantissima fonte di spunti geologici, archeologici, paleontologici e naturalistici.

Visitare una mostra

L’arte non si ferma mai, nemmeno a Ferragosto. Lunedì 15 sarà l’ultima occasione per visitare «Artisti sul Serio», la mostra Itinerante di artisti locali dell’Alta Valle Seriana organizzata dal Comune di Villa d’Ogna.

Sapevate, invece, che nel sottosuolo di Predore sono conservati i resti di una vasta villa romana abitata tra il I secolo a.C. e il IV secolo d.C? Dalle 10 alle 19, cogliete la possibilità di fare un salto nel passato: l’ingresso è gratuito.

Anri Sala, “Transfigured”, Veduta dell’installazione. Palazzo della Ragione, GAMeC, Bergamo 2022. Courtesy GAMeC. Copyright Anri Sala by SIAE 2022
(Foto Lorenzo Palmieri)

La nostra provincia trabocca di mostre interessanti: nella Biblioteca di Fino del Monte troverete l’esposizione pittorica «reelAZIONE» dell’artista bergamasco Emanuele Grazioli; a Gandino, invece, potete visitare la sezione di arte sacra del Museo della Basilica, un vero scrigno di tesori.

Se preferite restare in città, vi consigliamo di fare tappa in GAMeC per dare un occhio a «Christian Frosi. La stanza vuota» e a «La collezione impermanente #3.0» (ingresso a pagamento, dalle 10 alle 19). In Palazzo della Ragione, dalle 10 alle 20, vi aspetta invece l’esposizione gratuita «Anri Sala. Transfigured», di cui vi abbiamo parlato in questo articolo.

Il cinema sotto le stelle

Dopo una giornata di abbuffate, perché non rilassarsi con una bella serata di cinema all’aperto? I film in programma, a Bergamo e in provincia, sono tantissimi: nel chiostro della Biblioteca di Treviglio, alle 21, va in scena «Fire of Love» di Sara Dosa, l’incredibile testimonianza di due vulcanologici francesi che hanno dedicato la loro vita alle eruzioni vulcaniche e alle nuvole di cenere. Nell’antica Chiesa di Sant’Anna ad Albino, invece, verrà proiettato «Corpus Christi», la storia di un giovane che si ritrova, per una serie di circostanze, ad essere spacciato per un prete.

Non perdetevi, nell’Arena Santa Lucia a Bergamo, «Mamma Roma», il capolavoro di Pasolini magistralmente interpretato da Anna Magnani. Nell’incantevole cortile della biblioteca Caversazzi in via Tasso, continuano invece le proiezioni di Lab80 per la rassegna «Esterno Notte». In programma lunedì c’è «Il ritratto del duca», una simpatica commedia con Jim Broadbent ed Helen Mirren.

Vedere i fuochi d’artificio

Chiudiamo la nostra guida… col botto. Non c’è Ferragosto senza fuochi d’artificio e siamo sicuri che, una volta tramontato il sole, anche i cieli dei vostri comuni si illumineranno a festa. Sono due gli spettacoli pirotecnici che vi consigliamo noi. Il primo è quello di Piario, dove torna – dopo due anni di stop – la storica «Sagra di San Rocco». Se vorrete fare un salto, sappiate che per tutta la giornata vi attendono piatti tipici, animazione musicale, una tombolata, la Messa e, appunto, razzi e spirali di tutti colori. L’appuntamento è alle ore 22.

A San Pellegrino Terme, invece, i colori e le luci si uniranno alla musica, per l’ormai tradizionale spettacolo piromusicale che a partire dalle 22 costringerà grandi e piccini a volgere lo sguardo in su. E a desiderare che Ferragosto non finisca mai.

Approfondimenti