Aziende anti-Covid

Articolo. Guida pratica all’organizzazione smart

Lettura meno di un minuto.
Marcello Raimondi - Responsabile di Skille

Il Covid ha rivoluzionato l’organizzazione delle aziende, talvolta in modo radicale: la gestione dei dipendenti in smart working, la riorganizzazione delle attività produttive e i rapporti con i clienti e fornitori che in molti casi hanno subito una battuta d’arresto (si veda questo articolo di Skille). Tuttavia, la reazione delle imprese non si è fatta attendere.

Ad esempio, il ricorso al lavoro agile ha raggiunto picchi mai toccati prima. Senza dubbio si è rivelato un metodo efficace di fronte all’impossibilità di mantenere tutti i dipendenti in azienda ma, al tempo stesso, ha costretto a rivedere la struttura e le dinamiche delle relazioni. Come ci ha raccontato Giuseppe Agate di Italcementi in questo articolo di Skille, il gruppo ha dovuto gestire il passaggio in smart working dell’85% dei lavoratori coinvolti. Nonostante i timori iniziali, ogni difficoltà tecnica e organizzativa è stata superata. Addirittura, Italcementi vorrebbe aumentare la platea dei dipendenti in lavoro agile visti i segnali positivi riscontrati.

Un altro punto di forza è stato ragionare sulla convertibilità delle proprie attività produttive, come hanno fatto la Radici Group, la Plastik e la Santini con la produzione di dispositivi medici attraverso la condivisione delle proprie tecnologie e delle proprie competenze (si veda questo articolo di Skille), per rispondere ai blocchi produttivi forzati e ai disagi causati dalla pandemia.

Guardando al futuro, infine, sarà sempre più importante capire come espandere la propria rete di clienti e fornitori per difendersi da altri eventi dirompenti come quello che abbiamo vissuto (si veda questo articolo)

Leggi altri articoli
Fabbriche 4.0 bloccate dal virus. La filiera digitale come leva di ripartenza
Il cluster Fabbrica Intelligente lancia un allarme: la crisi virus ha interrotto la trasformazione digitale delle industrie. E presenta un piano schock per far …

Smart working a Bergamo, già 140mila lavoratori da casa
In meno di tre settimane le posizioni cresciute e dopo la crisi possibile accelerare il lavoro da remoto. Un trend ancora in crescita. L’esperto: …

Il test del Coronavirus nelle aziende, ecco come a Bergamo lo smart working è stato esteso
L’emergenza epidemia ha spinto il ricorso alla nuova modalità agile di lavoro. I risultati positivi l’hanno trasformata in un’opportunità. E Italcementi ha deciso di …

Economia circolare, manager senza competenze sulla sostenibilità
Un nuovo allarme sulla carenza di know-how proprio all’indomani del piano dell’Europa per la grande svolta della politica industriale. Mancano manager con le competenze …