Atalanta, la Juventus ti aspetta L’ultima vittoria è del 1989 - video
Gli appuntamenti
La meraviglia della Grignetta Foto del Giorno La meraviglia della Grignetta

Persuasore efficace
Parla quando deve

di Franco Cattaneo
Persuasore efficace Parla quando deve

Vista il giorno dopo, la visita a Bergamo dice che Sergio Mattarella e la nostra città si sono capiti subito. Non capita spesso, infatti, che il Presidente della Repubblica lasci perdere per un attimo il protocollo e improvvisi parole e gesti. Il fatto che sia avvenuto, all’ inaugurazione dell’ anno accademico dell’ Università, dice che la scintilla è scattata, che la chimica c’ è. Vuoi, magari, perché preso dalla cornice «affascinante», come ha definito Sant’ Agostino.

Cuba al bivio tra utopie
minacce e la vita vera

di Livio Caputo
Cuba al bivio tra utopie minacce e la vita vera

Bisogna studiare bene le parole di Trump sul futuro delle relazioni con l’ Avana per cercare di capire che cosa accadrà nell’ isola dopo la morte di Fidel: «Se Cuba rifiuta di accettare condizioni migliori per il popolo cubano, per i Cubano-americani e per gli Stati Uniti in generale - ha twittato - rescinderò gli accordi conclusi dalla precedente amministrazione».

Ora cogliamo l’attimo
A preoccuparsi è Allegri

di Andrea Benigni
Ora cogliamo l’attimo A preoccuparsi è Allegri

Adesso tenetevi forte, perché l’Atalanta può cambiare il campionato (mentre l’Uefa già grida al nuovo Leicester). Il Genoa l’ha riaperto trasformando la domenica juventina in un incubo, i nerazzurri sabato vanno a Torino con le armi adatte per sferrare quel colpo che aspettano da 27 anni (8 ottobre 1989, 1-0 firmato Caniggia) e rimettere così in discussione le gerarchie al vertice. Mettendo da parte l’euforia, si può legittimamente obiettare che giocare allo Stadium – il fortino dove quasi tutti lasciano le penne – mette i brividi solo a pensarci. Ma bisogna anche cogliere l’attimo. E se non è propizio questo, chissà quando lo sarà.

Università, l’Italia
fa come i gamberi

di Diego Colombo
Università, l’Italia fa come i gamberi

L’Italia non investe sull’università e, quindi, sui giovani e sul proprio futuro. Nel 2012-2013 il Paese ha destinato al sistema universitario solo lo 0,42 del Pil (con un calo del 21 per cento rispetto al 2008-2009), mentre la Francia ha impegnato lo 0,99 (+3,9%) e la Germania lo 0,98 (+23%). Finalmente, con il budget (7 miliardi e 380 milioni) previsto nell’ultima legge finanziaria, si riporteranno gli investimenti a un leggero segno positivo (+0,6). Nel 2013-2014 è stata registrata anche un’emorragia di docenti (-12,4% rispetto al 2008), mentre nel Regno Unito, nello stesso periodo, sono aumentati del 13,1%. In Italia la percentuale di popolazione tra i 25 e i 34 anni con una laurea è del 24,2 contro il 45,8 del Regno Unito e il 44,8 della Francia.

Lontana dall’Italia ho capito
il valore della nostra cultura

di Rossella Martinelli
Lontana dall’Italia ho capito  il valore della nostra cultura

Debora Cavagna da Dalmine al Michigan con la famiglia Insegnante di Lettere e di storia all’ istituto Einaudi. S’ impegna negli Usa per l’ associazione Dante Alighieri. Per 25 anni non ha fatto che ripetere ai suoi alunni un dogma nel quale credeva profondamente. «La storia serve per capire il passato, comprendere il presente e prevedere il futuro». Eppure Debora Cavagna - 48enne di Dalmine, docente di lettere e di storia all’ Itis Einaudi - ammette di aver realizzato a 7.000 chilometri di distanza il valore della nostra cultura, lascito di una civiltà millenaria.