Lunedì 22 Agosto 2011

Curno, all'Uci per vedere un film
All'intervallo le chiede di sposarlo

«Ciak ti sposo!». Se fosse un film questo potrebbe essere il titolo appropriato per l'originale proposta di matrimonio avvenuta lo scorso 1° agosto all'Uci Cinemas di Curno. Proprio così: Maurizio Alborghetti per chiedere la mano della sua fidanzata Luana Iuliano ha scelto il cinema multisala di Curno: «Ho sempre voluto sposarmi e anche Luana. Così ho pensato a una proposta spettacolare che lei non potesse aspettarsi”», spiega Maurizio, geometra di Osio Sopra. La futura promessa sposa, originaria di Verdellino e di lavoro impiegata nella ditta del padre, si è infatti recata al cinema lo scorso 1° agosto con il fidanzato e due amici-complici, Silvia Rigamonti e Matteo Locatelli, per vedere «Per sfortuna che ci sei», una commedia romantico-demenziale sui danni «collaterali» dell'amore del regista francese Nicolas Cuche.

Nell'intervallo fra la pubblicità e l'inizio del film c'è stato un attimo di «nero», come si chiama in gergo, a cui è seguito l'invito agli spettatori a non abbandonare la sala. Il motivo della sospensione è stato presto spiegato dal video realizzato da Maurizio con gli amici-complici che raccoglieva i momenti salienti della loro storia d'amore, iniziata il 1° giugno 2008. Al termine del video Maurizio si è inginocchiato e ha chiesto, con tanto di anello, la mano alla fidanzata, che, visibilmente commossa per l'emozione e la sorpresa, ha accettato.

«È la prima volta che avviene una cosa del genere a Curno e nelle 40 sale del circuito UCI in Italia – spiega Gianni Molica, vicedirettore dell'Uci Cinemas di Curno -. Non avremmo potuto dare il permesso senza il consenso di Giovanni Plano, capo area UCI Cinemas Nord-Est e ex direttore del multisala di Curno. È una cosa nuova ed è stata gradita anche dagli spettatori in sala che hanno fatto ai futuri sposi un applauso spontaneo».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata