Venerdì 26 Agosto 2011

Una favola golosa
in Emilia Romagna

Prendete un pubblicitario di successo innamorato della sua terra, aggiungetevi una “pasionaria” del vino e chiudete il cerchio con un'artista della buona tavola emiliana: eccovi spiegato il successo che sta riscuotendo in questi mesi l'agriturismo Barbaterre, costola enogastronomica dell'omonima cantina di Quattro Castella, in pieno appennino reggiano, che produce uno dei lambruschi “bio” più interessanti degli ultimi tempi.

Tutto nasce dall'intuizione di Max Bedogni, che tra una campagna pubblicitaria e l'altra comincia a vagheggiare l'idea di un piccolo scrigno nel cuore delle Terre Matildiche, dove natura, vino e buona cucina dominino incontrastate. Così nasce prima la cantina Barbaterre, con la sua compagna Erica che comanda le operazioni con grinta e passione infinite, e poi l'agriturismo guidato con maestria da Bebe, sorella di Massimo, con 60 coperti e alcune camere rustiche dai particolari raffinati. Manca ancora il tocco dell'artista e allora ecco che una sera Bedogni va a trovare Dalila Davoli, la cuoca più famosa di Reggio Emilia e la convince a chiudere la sua gastronomia per trasferirsi armi e bagagli in provincia per guidare la brigata in cucina delle Barbaterre.

Risultato: una schiera infinita di clienti in lutto stretto, orfani dei manicaretti della Dalila, che si chiedono dove sia mai finita la loro benefattrice. Quando scoprono che è diventata la chef del locale di Quattro Castella non si fanno pregare. Risultato: ogni sera alla Barbaterre il pienone è garantito e i piatti a base di tortelli verdi e di zucca, di un erbazzone celestiale e di gnocco fritto a volontà accompagnato dai salumi (senza dimenticarsi dello stracotto di puledro e di alcuni dolci memorabili) sono una festa per il palato.

Il tutto annaffiato dai vini della casa: accanto al Lambrusco Biologico, citato dal “gastronauta” Davide Paolini, e che ha incassato, al suo esordio, i due bicchieri della Guida dei Vini del Gambero Rosso, i piatti della Dalila esaltano la punta di diamante: quell'Orlando, pinot nero a metodo tradizionale, dalla spiccata personalità. Prosit.

Per informazioni
www.barbaterre.com 42020 Bergonzano Quattro Castella (RE)
tel. +39 335 8053454
tel. +39 347 8733838
fax +39 0522 516577
[email protected]

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags