Venerdì 05 Febbraio 2010

Contro gli occhi indiscreti del Bari
l'Atalanta si allena a porte chiuse

La giornata piovosa ha costretto Lino Mutti a effettuare l'allenamento pomeridiano della squadra in palestra. Soltanto per una decina di minuti gli atalantini hanno compiuto alcuni giri attorno al rettangolo di gioco dopodichè il trasferimento in una delle strutture al coperto di Zingonia. Come preannunciato sin dalla vigilia, su decisione di mister Lino Mutti, il Centro sportivo Bortolotti è rimasto chiuso. E' la prima volta, dalla gestione Mutti, che Zingonia non è aperta a pubblico e stampa.

Evidentemente l'allenatore bergamasco, nel preparare la delicata partita con il Bari, non intende concedere nessun vantaggio al suo collega Ventura per quanto riguarda modulo tattico e formazione da schierare sul campo. A maggior ragione dopo aver accertato la presenza di un osservatore del Bari proprio giovedì, sempre a Zingonia, durante l'amichevole dei nerazzurri con il Paladina (5-0 il finale per gli atalantini). La squadra domani mattina sosterrà la consueta seduta di rifinitura ancora a Zingonia.

Nel frattempo Mutti deciderà l'undici titolare da opporre domenica, a Bergamo, al Bari, rivelazione del campionato e in condizioni di forma ottimale. In difesa non dovrebbero sussistere dubbi nel confermare Consigli in porta e Garics, Talamonti, Manfredini e Bellini. Punti di domanda sul centrocampo dove Mutti non potrà disporre dello squalificato Guarente, degli acciaccati De Ascentis e Zanetti e del lungodegente Barreto. Certa, naturalmente una maglia per Padoin sempre che lo stesso si rimetta in sesto, mentre per le altre tre i maggiori candidati sono Valdes, Caserta e Ferreira Pinto.

Da non escludere, comunque, l'esordio dell'acquisto di gennaio Volpi. All'attacco, fermo ai box Tiribocchi, il rientrante Doni e Amoruso con il pari ruolo Chevanton in panchina. E' il caso di ricordare che nella gara di andata l'Atalanta fu sconfitta per 4-1. E vista la prestazione deludente al “San Nicola”, in Puglia (i nerazzurri erano bloccati a zero punti in classifica dopo quattro turni) la società optò subito per l'esonero di Gregucci sostituendolo con Conte. A.Z.

k.manenti

© riproduzione riservata