Regione  agli studenti per un giorno Al Pirellone c’era anche il Majorana

Regione agli studenti per un giorno
Al Pirellone c’era anche il Majorana

Il parlamento lombardo affidato agli studenti. Mercoledì 1° giugno il Consiglio regionale è stato teatro della terza edizione di «Consiglieri per un giorno», l’iniziativa di avvicinamento dei giovani alle istituzioni che, dopo un percorso all’interno degli istituti, culmina con una vera e propria seduta d’Aula consiliare.

Lunedì era toccato a 110 studenti di terza e quarta superiore del liceo scientifico del Collegio San Carlo di Milano, del liceo linguistico e dell’Ite Manzoni di Milano e dell’IIS Olivelli di Darfo Boario (Bs). Mercoledìi protagonisti sono stati 80 studenti lombardi degli istituti Bassi di Lodi, Majorana di Seriate e Leopardi di Milano. All’ordine del giorno 6 mozioni e un Progetto di Legge. I lavori sono stati introdotti dal presidente Raffaele Cattaneo e dal consigliere segretario Eugenio Casalino.

Gli studenti del Majorana in Regjone

Gli studenti del Majorana in Regjone

Il presidente Cattaneo ha ricordato come la Lombardia per dimensioni ed economia abbia «un peso importante all’interno dell’Unione europea», ma soprattutto ha ricordato l’importanza del valore della democrazia come garanzia di pace e prosperità: «Questo è il frutto del lavoro degli europei che hanno saputo sostituire la logica della guerra con quella del dialogo e i parlamenti, come il nostro, sono stati l’espressione concreta di questo processo. L’unica alternativa alla spada è la parola, per questo ha senso il lavoro dentro la nostra istituzione».

La seduta è poi cominciata con il dibattito sul Progetto di Legge «Integrazione dei cittadini stranieri provenienti dai paesi che non fanno parte dell’Unione europea», proposto da Mikela Lekaj del Bassi, che è stato respinto. La discussione è poi proseguita sulla Mozione «Realizzazione di una Rete solidale di Enti laici e religiosi a livello regionale per accogliere ed integrare migranti in Lombardia», presentata dal Consigliere Davide Chignola sempre della scuola Bassi. Il documento, che impegnava la Giunta a favorire una rete solidale per l’accoglienza dei migranti a creare un database e a finanziare le associazioni lombarde di volontariato, è stata respinta con 36 voti contrari. Respinta anche la mozione numero 2 presentata dal Consigliere Matteo Cappelletti, che chiedeva di costituire una commissione di esperti per studiare i flussi migratori.

La spending review è stata invece oggetto della mozione numero 3 in cui si è trattato il tema dei rimborsi: il documento è stato approvato a scrutinio segreto. Dei tre documenti presentati dagli studenti sull’integrazione degli stranieri nei quartieri difficili della città ne è stato approvato uno che impegna la Giunta a creare centri di integrazione con personale addetto all’insegnamento della cultura italiana, a riequilibrare nelle scuole la presenza di bambini stranieri e italiani e ad autorizzare nuovi centri di culto. Il testo è stato presentato da Paolo Carinelli della scuola Majorana di Seriate.

Prima della chiusura della giornata è stato consegnato a tutti i partecipanti un attestato di partecipazione. Il comunicato realizzato dagli studenti Luca Lazzaroni, Emanuele Palmieri, Matteo Baldelli, Alessio Piatti, Luca Gervasoni dell’istituto Majorana. Qui il resoconto della prima seduta di Consiglieri per un giorno di lunedì scorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA