«Seriate, insulti all’asilo nido» Assolte due educatrici, due patteggiano
L’asilo nido «La scatola magica» non ha più riaperto i battenti

«Seriate, insulti all’asilo nido»
Assolte due educatrici, due patteggiano

I fatti contestati fra il 2012 e il 2014 all’asilo nido «La scatola magica» di via Locatelli, che venne posto sotto sequestro e non ha più riaperto i battenti.

Sono state assolte due delle quattro maestre dell’asilo nido «La scatola Magica» di Seriate finite nei guai con l’accusa di presunti maltrattamenti sui bambini, di età comprese fra i tre mesi e i tre anni, affidati alla struttura. Il gup Tino Palestra ha assolto Sara Pasini (35 anni, educatrice) e Laura Bergami (26 anni, figlia della direttrice, che aveva affiancato nella gestione), per le quali la pm Carmen Santoro chiese – rispettivamente – 1 anno, un mese e dieci giorni, e 1 anno e due mesi. Le altre due imputate hanno invece scelto di patteggiare: due anni per Cristina Persico (47 anni, direttrice del nido), e un anno e otto mesi per Lia Personeni (26 anni, educatrice). Per entrambe, sospensione condizionale della pena.

L’inchiesta, che aveva portato al sequestro e alla chiusura dell’asilo (mai più riaperto), era divisa in due filoni: il primo, relativo solo a Persico e Personeni, risale al periodo tra settembre 2013 e maggio 2014; il secondo, che coinvolge tutte e quattro, dal 2012 al 2014. In entrambi i casi, nella sostanza, erano contestate frasi minacciose e ingiuriose verso i bambini e, nel primo filone, in qualche caso tirando i bimbi per un braccio e mettendoli in castigo.

Per la difesa non si trattava di maltrattamenti: sia per Pasini, sia per Bergami, la contestazione riguardava un’unica frase rivolta a una bambina. Il gup le ha assolte. Hanno invece scelto la strada del patteggiamento Cristina Persico, l’ex direttrice della struttura, e Lia Personeni. Il caso scoppiò in seguito alle segnalazioni di alcuni genitori.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 15 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA