Selvino, scopre tesoro d’età romana Un operaio 54enne nei guai: illecito

Selvino, scopre tesoro d’età romana
Un operaio 54enne nei guai: illecito

In cerca di funghi, ha invece trovato un «tesoretto» con numerose monete antiche sul monte Podona, nel territorio di Selvino. Non è stato però baciato dalla fortuna lo scopritore italiano L. M., classe 1962, finito nei guai per aver indossato gli abiti dell’archeologo e, armato di metal detector, aver cercato e scavato per recuperare altri reperti, dopo aver trovato la prima moneta.

È stato infatti indagato per presunta violazione in materia di ricerche archeologiche e impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato (come da Codice dei beni culturali e del paesaggio). Martedì l’uomo, incensurato, operaio di Selvino attualmente in cassa integrazione, è stato ascoltato dai carabinieri di Monza, che si occupano di Tutela del patrimonio culturale.

Il 54enne ha raccontato del ritrovamento, spiegando che non voleva né tenere né vendere i reperti recuperati, e aveva infatti «contattato il Museo archeologico di Bergamo per avvisare del ritrovamento». Sempre secondo la sua versione, lui voleva consegnare il tesoretto per «contribuire a svelare la vera storia dell’Impero romano e la sua influenza sul territorio». Secondo il suo racconto, però, quando da Bergamo sono arrivati gli esperti per verificare quanto avesse trovato, non hanno preso i reperti. Mentre sembra che l’esperta che si è recata da lui abbia affermato che l’uomo non gli ha voluto consegnare quanto ritrovato. Lei, dopo la «visita» ha inviato una relazione alla Sovrintendenza.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola giovedì 30 giugno 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA