Giovedì 19 Luglio 2012

Concussione, arrestato dipendente Anas
Voleva denaro per i cartelloni sulla ss42

La Guardia di Finanza di Bergamo, a seguito di attività info-investigativa finalizzata al contrasto dei reati perpetrati contro la Pubblica Amministrazione, ha tratto in arresto giovedì 19 luglio, a seguito di ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice Petillo del tribunale di Bergamo, Raffaele Polimeno, classe 1954, dipendente dell'Anas di Bergamo.

In particolare lo stesso abusando della mansione di capo cantoniere- sorvegliante Anas addetto alla vigilanza sulla strada statale n. 42 - ha indotto alcuni imprenditori locali a promettergli e consegnargli indebitamente alcune somme di denaro, affinché gli stessi potessero installare cartelli/insegne pubblicitarie lungo la citata strada statale o soprassedere alle eventuali contestazioni in caso di affissioni abusive.

Le attività investigative, coordinate dal dottor Fabrizio Gaverini, sostituto procuratore presso la Procura di Bergamo, hanno preso avvio dalle denunce/querele presentate da parte di alcuni imprenditori locali circa la condotta illecita del dipendente dell'Anas.

Lo stesso, palesando le lungaggini burocratiche, costringeva gli imprenditori, che dovevano affiggere o avevano già affisso dei cartelloni o insegne, ad effettuare il pagamento di somme di denaro al fine di accelerare le connesse pratiche amministrative o evitare le conseguenti sanzioni.

La norma prevede che per l'affissione lungo le strade statali oltre al permesso del Comune competente sul luogo prescelto dall'imprenditore vi è la necessità di avere un'ulteriore autorizzazione da parte dell'Anas Spa. In alcuni casi era lo stesso dipendente che, vedendo una nuova insegna, si recava dall'imprenditore per chiedere l'autorizzazione e una volta constatato che non vi era, si faceva corrispondere la metà della sanzione prevista (400 euro) per evitare di procedere nell'adempimento dei propri doveri d'ufficio ed adoperandosi per regolarizzare la posizione dell'imprenditore.

Oltre agli episodi accertati, in un caso il dipendente dell'Anas ha millantato di essere un agente di polizia vantando conoscenze presso la Motorizzazione Civile di Bergamo al fine di indurre un extracomunitario a consegnargli 800 euro per ottenere senza sforzi il superamento dell'esame scritto della patente di guida italiana.

La vittima non ha comunque superato l'esame. L'uomo, tratto in arresto, dovrà rispondere all'Autorità giudiziaria dei reati di concussione, sostituzione di persona e millantato credito.

L'Ufficio stampa dell'Anas ha informato che il dipendente Raffaele Polimeno, capo cantoniere arrestato dalla Guardia di Finanza su mandato della Procura di Bergamo, è stato immediatamente sospeso dal servizio e che la società si costituirà parte civile nel procedimento a suo carico.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata