Mercoledì 28 Agosto 2013

La cartella di scuola? Costa 80€
Un po' più leggera del 2012

Como è la più economica per acquistare il kit scolastico (quasi 69 Euro), Milano la più cara (86 Euro circa), seguita subito dopo da Bergamo: 85 euro e 60 centesimi. Con però un decremento: il prezzo della cartella in Lombardia è sceso (-2.5%), e a Bergamo ha raggiunto il -2.6%.
È quanto emerge dalla Rilevazione dei prezzi di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia «Focus Paniere scuola», realizzata dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza con il coordinamento scientifico di Ref Ricerche.

Rientro dalle vacanze, quindi, e tutti a fare la spesa. Quest'autunno la cartella scolastica «peserà» poco più di 80 Euro in media a famiglia lombarda, mentre la spesa media per i libri di testo si aggira sui 147 Euro. Con alcune differenze tra i capoluoghi di provincia: lo zaino sarà più caro a Monza e Brianza (53,3 Euro), mentre a Bergamo è il diario “griffato” a pesare di più (costa 14,5 Euro); a Brescia il set di penne è il più costoso in Lombardia (4,5 Euro), così come i quadernoni sono un articolo poco economico sia a Bergamo che a Brescia (rispettivamente 14,5 e 14,2 Euro per 8 pezzi).

Scende il prezzo della «cartella» in Lombardia (-2,5% in un anno), si registrano aumenti solo a Monza, anche se in modo contenuto (+0,5%). La spesa scende in tutte le altre province lombarde: a Milano, Bergamo, Brescia e Como la variazione rispetto allo scorso anno oscilla tra -3,1% e -3,2%.

E in Italia sono 16.406 le cartolerie attive e il 13% si trova in Lombardia. La crisi tocca il settore e le imprese che vendono cartoleria per «scuola e ufficio» diminuiscono in tutte le province lombarde, eccetto Lodi e Mantova (dove crescono del 4,5% e del 3,9%).

fa.tinaglia

© riproduzione riservata