Lunedì 19 Ottobre 2009

Calcestruzzi in India
ospedale per l'infanzia

È stato inaugurato in India il nuovo ospedale per il trattamento di bambini sieropositivi a Butterfly Hill, un piccolo villaggio che ospita circa 600 ragazzi dai 0 ai 16 anni. Costruito grazie al contributo della Calcestruzzi Spa di Bergamo, è situato nel cuore della regione sud orientale di Andhra Pradesh.

Il nuovo dispensario Guardian Angel, realizzato e gestito dall’organizzazione umanitaria italiana Care&Share (www.careshare.org), è composto da un piccolo ospedale e infermeria adatto al trattamento di bambini sieropositivi, ed è completo di medicinali e attrezzature.

Nel dicembre 2008 Calcestruzzi aveva deciso di devolvere a una causa umanitaria i fondi normalmente destinati agli omaggi natalizi, destinandoli al completamento del nuovo dispensario. Così la società ha finanziato per un terzo i lavori di costruzione del piccolo centro ospedaliero: una donazione in qualche modo legata all’attività di Calcestruzzi, che opera nel settore delle costruzioni quale fornitore di materie prime, leader sul mercato di calcestruzzo preconfezionato.

La palazzina, inaugurata in questi giorni alla presenza delle autorità locali e degli abitanti dei vicini villaggi nel corso di una cerimonia tradizionale indiana, è composta da due piani per un totale di circa 600 metri quadrati. L’edificio si inserisce all’interno del villaggio Butterfly Hill che, dopo Daddy’s Home, è il secondo villaggio-rifugio per bambini, ragazzi di strada e orfani dell’Aids realizzato dalla Ong italiana.

Nel villaggio si trovano case famiglia, una scuola, campi da gioco, una mensa e una cucina comune, e ora anche un piccolo ospedale per assistere i giovani malati. «Conoscevamo la realtà di Care&Share e desideravamo dare un contributo concreto alla loro attività in favore dei bambini abbandonati e sieropositivi», ha spiegato Fortunato Zaffaroni, direttore generale di Calcestruzzi.

r.clemente

© riproduzione riservata