Il vescovo: la nostra preghiera va a chi è dimenticato nella morte

Il vescovo: la nostra preghiera
va a chi è dimenticato nella morte

La celebrazione eucaristica di domenica 2 novembre nella cattedrale, presieduta dal vescovo monsignor Francesco Beschi, ha chiuso i due giorni particolarmente intensi in cui la Chiesa ha celebrato la festa di Tutti i Santi e ha pregato per i defunti.

La celebrazione è stata accompagnata dal canto della Messa da Requiem da parte dei solisti della Cappella musicale del Duomo. «La celebrazione eucaristica - ha sottolineato il vescovo nell’omelia - è un abbraccio che la comunità cristiana, ancora pellegrina nella storia, rivolge alle donne e agli uomini che ci hanno preceduto nel cammino».

Il vescovo Beschi in cattedrale per la Messa di ricordo dei defunti

Il vescovo Beschi in cattedrale per la Messa di ricordo dei defunti
(Foto by Yuri Colleoni)

Sono i giorni, questi, in cui il pensiero alle persone care scomparse si fa più profondo. «Il ricordo dei nostri cari torna alla nostra mente e al nostro cuore. È un legame che ci unisce ancora a coloro che non sono più con noi, che non vediamo più. La Chiesa però non si limita al ricordo, ma lo arricchisce di preghiera. Questa preghiera non è solo il nostro pensiero che sale a Dio, ma è celebrazione eucaristica in cui annunciamo la morte e proclamiamo la resurrezione di Gesù. Egli è morto per tutti, anche per coloro che a nostro giudizio non lo meriterebbero. Oggi la Chiesa ci invita a pregare e a celebrare per tutti i defunti».

Monsignor Beschi ha sottolineato come nella giornata di commemorazione dei defunti si preghi, non solo per le persone particolarmente care a ciascuno, ma per tutti. «Da sempre la comunità cristiana si è fatta carico di questa preghiera, che vuole abbracciare in modo particolare coloro che sono dimenticati. La nostra preghiera per i defunti rivolga una particolare attenzione a coloro che sono stati scartati nella vita e poi dimenticati nella morte».

Leggi di più su L’Eco i Bergamo del 3 novembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA