Leone malato operato da un robot Nell’équipe un medico bergamasco

Leone malato operato da un robot
Nell’équipe un medico bergamasco

La notizia del leone Leonardo, operato all’ospedale veterinario di Lodi con tecnica robotica, sta facendo il giro del mondo e porta una firma bergamasca: quella di Giuliano Ravasio, ricercatore di 37 anni, nato e cresciuto a Osio Sotto.

A lui, che è responsabile dell’Unità operativa di Anestesia dell’Università di Milano, si erano rivolti i responsabili del Parco safari delle Langhe – situato nel Cuneese – quando Leonardo aveva iniziato a mostrare i chiari segni della malattia: un tumore alle ghiandole surrenali.

«Sapevo che il robot ideato dalla azienda italiana Sofar è impiegato con successo sulle persone, al Policlinico Gemelli di Roma – spiega il medico – e allora ho proposto all’azienda di utilizzarlo anche su un animale, in via del tutto sperimentale». L’operazione è durata quattro ore ma ha richiesto dieci ore di anestesia.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 9 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA