Parchi tutti aperti per Pasqua E dal 1° aprile nuovi orari

Parchi tutti aperti per Pasqua
E dal 1° aprile nuovi orari

Preparate tovaglia a quadri e cesta da pic nic, perché il pranzo di Pasqua si potrà fare al parco. E’ una delle novità in arrivo con la riorganizzazione degli orari di apertura e chiusura dei parchi della città, al via il 1° aprile.

Gli orari saranno più estesi, «circa 3 ore di apertura in più al giorno garantite» spiega Leyla Ciagà, assessore alle Opere del Verde del Comune di Bergamo, che ha appena concluso la definizione della nuova situazione con l’operatore che si è aggiudicato l’intera gestione dei parchi (un bando da circa 550mila euro, per 48 parchi, la loro sorveglianza e la piccola manutenzione ordinaria).

L’ ingresso del parco Suardi

L’ ingresso del parco Suardi

Tra le novità l’estensione dell’apertura serale di alcuni parchi centrali, come il Suardi, fino alle 22. Con una razionalizzazione degli orari: «Fino ad oggi le aperture dei parchi si articolavano in tre, anche quattro fasce durante i diversi periodi dell’anno, con una grande frammentazione – spiega Ciagà -. Abbiamo deciso di stabilire due orari, autunnale/invernale dal 1° novembre al 31 marzo e primaverile/estivo dal 1° aprile al 31 ottobre. C’è anche una novità assoluta, l’apertura di tutti i parchi della città a Pasqua, così la chiusura si limita a due giornate all’anno: il 25 dicembre e il 1° gennaio».

Ogni parco mantiene un suo orario, in base al tipo di utilizzo, anche se in linea di massima, i giardini pubblici di dimensioni più contenute, come i parchi di quartiere, saranno aperti d’estate dalle 7 alle 21 e d’inverno dalle 8 alle 18.

Giochi al parco Locatelli

Giochi al parco Locatelli
(Foto by Yuri Colleoni)

Il lavoro dell’assessorato all’Ambiente vede anche una riorganizzazione del sistema di custodia, nei dieci parchi che al loro interno ospitano un custode fisso. «La custodia sarà concentrata nelle fasce orarie sensibili, come la mattina o la sera – spiega Leyla Ciagà -. Il servizio di custodia sarà garantito tra le 4 e le 8 ore al giorno e durante le fasce “scoperte” sono stati previsti 3 o 4 passaggi di controllo a cura delle associazioni che già collaborano con l’assessorato alla Sicurezza, dalla Polizia penitenziaria in congedo ai Rangers. Inoltre, in alcuni parchi c’è già un presidio, penso al bar del parco Suardi».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 30 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA