Una città senza contanti? Si può
Cashless City avanza - Video

Manca poco più di una settimana al termine del primo mese di Cashless City a Bergamo, e il traguardo delle 565 mila transazioni elettroniche si avvicina sempre di più.

Una città senza contanti? Si può Cashless City avanza - Video

Nella serata di giovedì 21 maggio il contatore aveva superato abbondantemente quota 375 mila: il premio in palio per Bergamo è la realizzazione di uno spazio di coworking in quel del Lazzaretto, e di questo passo pare proprio a portata di mano. Cashless City è un progetto voluto da CartaSi, insieme a Visa, Mastercard, Consorzio Bancomat, Ubi Banca, Banca Popolare, Comune di Bergamo e L’Eco di Bergamo. Una sfida anche culturale, che vede Bergamo prima città italiana in campo con l’obiettivo di ridurre al minimo l’utilizzo dei contanti. La sfida si gioca così: la prima cosa da fare è andare sul sito di Cashless City e scaricare la fondamentale App. Per ogni acquisto compiuto con moneta elettronica bisognerà fotografare lo scontrino, e tanto basterà per essere subito in corsa per l’estrazione di premi. E lo stesso vale per l’esercente che ha effettuato la transazione. E di premi ne sono stati attribuiti diversi, finora...

Di certo il progetto sta offrendo molti spunti di riflessione, come si evince dai contributi video dei nostri «pionieri» con carta di credito a disposizione. Sentite Marta.

Oppure Silvia, che non nasconde come la «collega» qualche difficoltà. Ma tutte comunque superabili.

Anche Matteo, che non nasconde la situazione a tratti imbarazzante di sentirsi così un po’ naif... Ma con Cashless City alle spalle, tutto cambia. O almeno si prova a cambiare.

E gli esercenti cosa ne pensano? Sentiamo un’istituzione come il fioraio Rebussi.

O Matteo Barcella, di «Mauro Sport» alle prese con una clientela giovane.

Last but not least, Serena Medici della Trattoria «Il Coccio».

Insomma, tante esperienze, qualche difficoltà, ma anche la conferma che la sfida di Cashless City è tutta da giocare. E soprattutto da vincere, cominciando col centrare l’obiettivo del mese di maggio. Mano alla carta di credito e al bancomat, la sfida continua.

© RIPRODUZIONE RISERVATA