Domenica 17 Luglio 2011

Ratto super: dopo la crono junior
anche l'oro europeo su strada

Con un'azione solitaria e straordinaria la bergamasca Rossella Ratto si è laureata domenica 17 luglio ad Offida (Ascoli Piceno) campionessa europea donne junior su strada. L'azzurra, che venerdì aveva vinto il titolo continentale a cronometro, ha operato l'allungo decisivo al km 55 dei 69 in programma e non è mai stata impensierita dal gruppo che, chilometro dopo chilometro, ha accusato un ritardo cresciuto fino ad oltre 4 minuti, merito anche dell'azione di difesa operata dalle altre azzurre in gara.

Al secondo posto si è piazzata la belga Jessy Druyts e al terzo l'italiana Chiara Vannucci. Il successo della squadra italiana è stato completo. In totale la squadra guidata da Dino Salvoldi ha inserito quattro sue rappresentanti tra le prime cinque, un autentico trionfo.

La cronaca: alle 9 in punto prendono il via le cinquanta protagoniste. In programma cinque giri di circuito per un totale di 69 km. La prima azione porta la firma della lettone Laizane dopo appena 10 km dalla partenza. Alla conclusione del primo giro si segnala la svedese Nessmar che accumula un vantaggio massimo di 1'30”.

Al km 35 il gruppo raggiunge la svedese. Quindi si segnala spesso la Francia in testa a tirare. Al km 55 scatta l'italiana Dalia Muccioli che poco dopo viene raggiunta. Ma è l'azione che prepara l'attacco di Rossella Ratto che saluta il gruppo. Il vantaggio della campionessa d'Europa a cronometro aumenta pedalata dopo pedalata e a quattro chilometri dalla conclusione raggiunge i 4 minuti sul gruppo: ormai è irraggiungibile.

Ordine d'arrivo
1. Rossella RATTO (Italia) km.69 in 2h11'13media/h 31,551
2. Jessy Druyts (Belgio) a 4'31"
3. Chiara Vannucci (Italia) a 4'33"
4. Dalia Muccioli (Italia) a 4'34"
5. Maria Giulia Confalonieri (Italia) a 4'37"
6. Larissa Bruhwiler (Svizzera) s.t.
7. Manon Sourys (Francia) s.t.
8. Katarzyna Niewiadoma (Polonia) s.t.
9. Oriane Chaumet (Francia) s.t.
10. Eider Merino Cortazar (Spagna) a 4'41"

m.sanfilippo

© riproduzione riservata