Lunedì 02 Settembre 2013

Sassaiola e scontri allo stadio
Che desolazione. Poliziotto ferito

Si è ricominciato come si era finito, con scontri tra ultrà e polizia fuori dallo stadio prima dell'inizio della partita. È quanto successo ieri per Atalanta-Torino, per i nerazzurri la prima partita casalinga. A maggio la penultima partita a Bergamo contro la Juventus aveva scatenato una guerriglia tra tifoserie sia dentro che fuori dallo stadio con danni e feriti.

Ieri si è dovuto assistere allo stesso desolante film. Intorno allo stadio è stato tutto tranquillo fino alle 20 quando, all'incrocio tra via Lazzaretto e via Baioni, circa 70 ultrà atalantini della Curva Nord - che si erano nascosti sulla pista ciclabile - hanno tentato di assalire uno dei quattro pullman di tifosi del Torino con una sassaiola e qualche fumogeno. Il lancio non ha provocato danni gravi e la polizia è riuscita a gestire la situazione nel migliore dei modi. Un sasso ha danneggiato un mezzo blindato del reparto mobile della polizia di Torino.

Pochi minuti dopo però si è registrato un secondo episodio. Le forze dell'ordine stavano scortando alcuni tifosi del Torino che avevano parcheggiato e stavano raggiungendo lo stadio a piedi, quando all'altezza di via Crescenzi sono state bloccate da un gruppo di ultrà atalantini della Curva Sud che «controllavano» quella zona e pretendevano che i tifosi granata non la «violassero» con il loro passaggio.

Le forze dell'ordine hanno intimato ai tifosi - una settantina - di lasciarli passare e di entrare nel bar «Conca Fiorita». A questo punto però i tifosi atalantini fuori dal bar hanno iniziato a far volare parole pesanti. Le forze dell'ordine hanno reagito caricando gli ultrà atalantini della Sud. Il tutto è durato un quarto d'ora e in questi istanti il bar «Conca Fiorita» ha dovuto chiudere la saracinesca per evitare danni.

Gli scontri sono stati particolarmente duri: un poliziotto è stato accompagnato in ospedale per una contusione. Probabilmente qualche ferito c'è stato anche fra i tifosi, ma non c'è un bilancio: fino a ieri sera si aveva notizia soltanto di un tifoso bergamasco che si è presentato al pronto soccorso per farsi medicare.

Leggi di più su L'Eco di lunedì 2 settembre

m.sanfilippo

© riproduzione riservata