Camminata e  Granfondo pronte al via Una domenica speciale, occhio ai divieti

Camminata e Granfondo pronte al via
Una domenica speciale, occhio ai divieti

Domenica 15 maggio saranno in migliaia a invadere la città e la provincia per due appuntamenti molto sentiti dagli sportivi bergamaschi: la Camminata Nerazzurra e la Granfondo Felice Gimondi. Ecco le cose da sapere.

In città domineranno i colori nerazzurri con la 10ª Camminata Nerazzurra: attesi al via dodicimila partecipanti. Saranno invece circa in quattromila a mettersi in sella per la 20ª Gran fondo Felice Gimondi: per gli automobilisti attenzione alle restrizioni del traffico. La Camminata Nerazzurra parte domenica mattina (ore 8,45) dopo la Messa celebrata all’aperto in Piazza Vittorio Veneto (ore 7,30). I protagonisti si arrampicheranno per le vie di Città Alta, seguendo, i tre itinerari a scelta (i percorsi dal più semplice e lineare al più tortuoso e impegnativo misurano rispettivamente 6-10-17 km, tutti con partenza e arrivo sul Sentierone).

Inoltre, ad ogni partecipante che concluderà la camminata in modo corretto, indossando sia la maglia ufficiale 2016, sia il cartellino di partecipazione, compilato e vidimato, verrà consegnato un tagliando per partecipare all’estrazione dei premi messi in palio dall’organizzazione. Nella cornice della festa del Club Amici c’è anche un intrigante sabato pomeriggio dedicato all’atletica: sabato 14 maggio (dalle 18 in poi) sono in programma le gare organizzate dai Runners Bergamo e «Ready to run».

Domenica quasi quattromila ciclisti partiranno da Bergamo (zona Lazzaretto) verso le valli con la ventesima Granfondo Felice Gimondi. Sono 37 i comuni (Bergamo compreso) sfiorati o coinvolti in maniera più massiccia dal transito della «Gimondi», con oltre 270 mila residenti da allertare. Ovviamente, saranno predisposte temporanee chiusure al traffico durante il passaggio degli atleti e orari in cui è alta la possibilità di forti rallentamenti in vari centri abitati. Qui i percorsi e le fasce orarie di maggiore criticità nei vari paesi.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 14 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA