In montagna in sicurezza, i consigli:
«Portate un cambio e telefono acceso»

Abbigliamento adeguato e, anche per coloro che non sono «nativi digitali», apparecchiature tecnologiche che possano segnalare la propria posizione. Sono due i consigli che il presidente del Cai di Bergamo, Paolo Valoti, tiene a dare a chi si avventura in montagna, perché sia per gli escursionisti esperti sia per chi non lo è, «in montagna non esiste il rischio zero: anche quello che abbiamo vissuto in questi giorni con Bruno ce lo conferma».

In montagna in sicurezza, i consigli: «Portate un cambio e telefono acceso»

La riflessione si impone d’obbligo dopo il ritrovamento dell’escursionista disperso per tre giorni nei boschi della Val Taleggio. «Quanto è successo in questi giorni – sottolinea Valoti – ci conferma che l’ambiente naturale in generale, e la montagna in particolare, è una situazione in cui non esiste il rischio zero. Basta poco, un cambio di versante o di terreno, una luce differente, il fatto di trovarsi in boschi o spazi aperti. Alcune delle condizioni di rischio sono imponderabili, per questo è sempre necessaria la massima prudenza».

Una prudenza che si manifesta anche in piccoli accorgimenti che possono essere applicati anche prima di partire per l’escursione. «Anche su montagne – continua – che sono moderatamente alte è fondamentale un buon equipaggiamento: anche l’abbigliamento può far la differenza. Nel caso di uno smarrimento o di una sosta forzata è necessario avere un equipaggiamento di un certo tipo per potersi tutelare. Anche in estate quindi, quando le temperature sono più gradevoli, è importante avere con sé almeno un ricambio, intero e lungo. Consiglierei anche una berretta e un paio di guanti. Per finire con le calzature giuste: scarponcini e protezioni per le caviglie». A questi accorgimenti se ne aggiungono altri. «Prima di partire da casa – spiega – è sempre bene dire dove si sta andando e che percorso si pensa di seguire; ancor meglio se lo si fa in forma scritta. È importante poi cercare di non fare deviazioni lungo il percorso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA