L’Isis e il marketing del terrore
Tra Twitter e propaganda on line

Monica Maggioni e Paolo Magri protagonisti giovedì 12 maggio a Bergamo Festival Fare la pace.

L’Isis e il marketing del terrore Tra Twitter e propaganda on line

Le nuove frontiere della comunicazione jihadista saranno al centro dell’incontro in programma giovedì 12 maggio alle 21 al Centro Congressi Giovanni XXIII di Bergamo: Monica Maggioni, giornalista e presidente Rai e Paolo Magri vicepresidente esecutivo e direttore dell’Ispi, parleranno di «Twitter e jihad. Il marketing del terrore». Un appuntamento di Bergamo Festival Fare la Pace. Ingresso gratuito previa iscrizione sul sito internet.

Da Raqqa a Parigi, da Mosul a Londra non ci sono più chilometri da percorrere o messaggeri da inviare per i nuovi guerrieri della jihad contemporanea. Oggi la comunicazione jihadista viaggia attraverso migliaia di messaggi su Twitter, vive di sinistre chat private nel bel mezzo di un videogame. Si traduce in un diluvio di messaggi cifrati e struttura il proprio racconto attraverso fotomontaggi cruenti e irresistibili video d’azione. Per combatterli, intercettare le mosse dei nuovi terroristi, capire come si struttura il loro pensiero folle, è indispensabile seguirli, passo dopo passo, nella loro affollata comunità virtuale all’interno del web. Monica Maggioni e Paolo Magri, curatori del libro «Twitter e Jihad: il marketing del terrore» discuteranno insieme delle nuove armi di comunicazioni dell’IS e di una propaganda fatta non solo di decapitazioni, ma anche di strategie improntate sui social media.

© RIPRODUZIONE RISERVATA