Mega radiotelescopio in Sudafrica scopre otto pulsar: la «regia» è trevigliese
Alcune delle 64 antenne di «MeerKat»

Mega radiotelescopio in Sudafrica scopre otto pulsar: la «regia» è trevigliese

Rilevate le prime stelle a neutroni ultrarapide. Andrea Possenti, coordinatore Inaf: un gran passo avanti. Usate 40 antenne, in costruzione Skao: ne avrà 130 mila.

«Il nuovissimo radiotelescopio MeerKat costituisce un enorme passo in avanti tecnologico per la ricerca e lo studio delle pulsar nel cielo australe. Nei prossimi anni ci si aspetta che scoverà decine di nuove pulsar al millisecondo, facendoci pregustare quanto poi succederà con l’avvento delle antenne a media frequenza del radiotelescopio Skao, che rivoluzionerà molti campi dell’astrofisica, incluso lo studio delle pulsar. Per queste antenne, l’Italia gioca un ruolo fondamentale sia a livello di scienza che a livello di costruzione». A illustrare le potenzialità e gli sviluppi futuri delle scoperte di Meerkat, un mega telescopio situato in Sudafrica, è Andrea Possenti, trevigliese, astrofisico dell’Inaf, l’Istituto nazionale di astrofisica, per 7 anni direttore dell’osservatorio astronomico di Cagliari e coordinatore delle osservazioni di pulsar negli ammassi globulari per la collaborazione MeerTime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA