Avvocato e direttore di banda È Bergamini l’«erede» di Bigoni
Il simbolico passaggio di testimone da Alberto Bigoni a Simone Bergamini (Foto by Orobie foto)

Avvocato e direttore di banda
È Bergamini l’«erede» di Bigoni

Cambio di guardia alla guida della lista «Ardesio Unita». Alberto Bigoni non si concederà il bis: il sindaco eletto nel 2011 cede il testimone (anzi la bacchetta, verrebbe da dire in campo musicale), a Simone Bergamini. É lui il nuovo candidato sindaco della lista che per le amministrative 2016 si ripropone con lo slogan «Largo ai giovani».

Giovane, Bergamini lo è: ha 29 anni, sposato da un paio e, oltre ad essere avvocato con studio proprio in paese, è un grande appassionato di musica, tanto da dirigere, dal 2009, il Corpo musicale ardesiano. La continuità viaggia quindi sul pentagramma: se l’attuale sindaco Alberto Bigoni ha infatti studiato contrabbasso al Conservatorio di Darfo, sempre a Darfo Bergamini sei anni fa si è diplomato in trombone, per poi conseguire, al Marenzio di Brescia, la laurea di secondo livello.

Bigoni correrà come consigliere: l’ha detto ieri, presentando alla stampa il candidato sindaco e tracciando un bilancio di questi cinque anni da sindaco e, da da 16 mesi, presidente di Comunità montana. In questa veste ha anche annunciato che Thor, il maxi sistema di videosorveglianza che terrà sotto controllo l’intera Valle Seriana, sarà inaugurato il 29 febbraio, nella centrale operativa in Questura a Bergamo.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 6 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA