Lavori alla famigerata curva di Strozza Rossi in Fb: «Ce l’abbiamo fatta»

Lavori alla famigerata curva di Strozza
Rossi in Fb: «Ce l’abbiamo fatta»

Dopo trenta incidenti, al via i lavori alla famigerata curva di Strozza. Lo segnala in Fb, soddisfatto, il presidente della Provincia Matteo Rossi.

«In questo momento di estrema difficoltà finanziaria della Provincia riuscire a rispondere alle emergenze sembra impossibile, con l’impegno civico ed amministrativo di tutti e in particolare di Demis Todeschini per la curva di Strozza ce l’abbiamo fatta, oggi al via i lavori di rifacimento dell’asfalto, basta macchine fuori strada!». Lo scrive sulla sua pagina Facebook il presidente della Provincia di Bergamo Matteo Rossi che fa riferimento alla famigerata curva di Strozza dove negli ultimi tempi sono avvenuti numerosi incidenti.

Per la precisione sono arrivati a trenta gli incidenti stradali che si sono verificati, dagli anni ’80 a fine agosto, sulla strada provinciale 14 della Valle Imagna all’altezza della curva di Cabrozzo, a Strozza. Gli ultimi due lo scorso fine settimana: sabato pomeriggio un’auto che scendeva dalla valle, dopo la curva ha sbandato e ha urtato il muro di destra. Il guidatore si è fermato per vedere i danni all’auto, poi è ripartito. Invece domenica pomeriggio una Fiat Punto con a bordo una coppia di giovani residenti a Ponte Giurino scendeva verso Almenno e, a causa dell’asfalto ormai consumato e reso scivoloso dalla pioggia, dopo la famigerata curva ha sbandato invadendo l’altra corsia. Quindi è passata davanti alla casa della famiglia Sonzogni-Mazzoleni (via Piave, 6) ed è volata nell’orto di proprietà della famiglia Boffetti, sottostante almeno circa cinque metri dal piano strada.

Con grande fortuna i due giovani sono usciti con le loro gambe dall’abitacolo della Fiat Punto, spaventati ma salvi. Nella caduta hanno subito solo delle contusioni. Sono stati allertati i soccorsi è sul posto è arrivata l’ambulanza che ha provveduto a trasportare i due feriti al policlinico di Ponte San Pietro dove sono stati curati. Però niente di grave. Un mezzo di soccorso ha provveduto poi a recuperare il veicolo. I rilievi sono stati effettuati dai carabinieri di Zogno.

Nello scorso mese di maggio si erano verificati altri quattro incidenti . Un’auto con a bordo tre giovani aveva sfondato il muretto di recinzione piombando nel dirupo; una mattina un’ auto era uscita fuori strada urtando l’inferriata che recinta la proprietà Sonzogni-Mazzoleni; in un altro caso una vettura era riuscita a fermarsi prima di cadere nel dirupo, infine un altro episodio la mattina alle 5,45, quando una Smart guidata da una donna era uscita fuori strada e piombata nell’orto.

È stato appurato che il manto stradale sulla curva, realizzato con materiale di porfido, quando è bagnato è più scivoloso rispetto al resto della strada con tappetino di asfalto più fine, quindi le auto, soprattutto quelle leggere, tendono a scivolare e vanno fuori strada. «I dirigenti della Provincia ci avevano promesso che al più presto sarebbero intervenuti rifacendo l’asfalto per un centinaio di metri. Purtroppo siamo a fine agosto e il rifacimento dell’asfalto non è stato eseguito» aveva scritto il sindaco. Da qui la presa di posizione del consigliere provinciale Demis Todeschini: «questa diventa un’opera di somma urgenza e verificherò con i dirigenti del settore viabilità la possibilità che nel più breve tempo possibile venga effettuato questo intervento» aveva detto nei giorni scorsi. Ora i lavori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA