Giovedì 31 Luglio 2014

«Orio-New York? Non lo escludo»
Ryanair, a fine anno 20 nuovi aerei

John Alborante
(Foto by Colleoni Foto)

«Orio-New York? Non lo escludo. Nel giro di 4 anni saremo pronti per le rotte intercontinentali». John Alborante, direttore marketing Ryanair per l’Italia, regala grandi sorrisi a tutti a Orio al Serio dove nella mattinata di giovedì 31 luglio ha incontrato i giornalisti per fare il punto sul futuro della compagnia low cost e il suo ruolo strategico sullo scalo bergamasco.

E il discorso cade inevitabilmente sul sogno intercontinentale: «Non escludo la tratta Orio-New York - dice Alborante -. O’Leary ha detto che nel giro di quattro anni saremo in grado di viaggiare fuori dall’Europa, con venti slot sul Vecchio Continente pronti per gli Stati Uniti».

Intanto la compagnia irlandese si concentra sul presente: a fine anno arriveranno i primi venti aerei della nuova flotta ordinata e composta da 180 mezzi. «Aerei che andranno a potenziare anche lo scalo di Bergamo che andrà a contendersi così il secondo posto di base aerea Ryanair con Dublino».

Attualmente gli aerei che hanno base a Dublino sono 18, 45 sono a Londra mentre 15 sono a Orio al Serio che dal 1° agosto, e per tutto il mese, aumenta di un aereo.

«Nelle strategie di Ryanair, Orio al Serio si conferma una base fondamentale e di sviluppo su tutta l’Europa e anche in vista di Expo, e tra i nsotri obiettivi c’è un’ulteriore crescita già a partire dall’orario invernale - continua Alborante -. Da una decina di giorni, inoltre, è attivo il servizio di check in on line anche dai palmari e dagli smartphone e nostra intenzione è estendere i servizi e i benefit alla nostra clientela business, con nuove offerte che partiranno da settembre». Il 20% dei viaggiatori Ryanair è infatti di questa categoria: «Nostro scopo è migliorare ancora di più il servizio e allargare la fetta di clienti».

© riproduzione riservata