Martedì 18 Febbraio 2014

Si arrampica su una roccia e cade

Muore per un ramo pericolante

Gianfranco Gritti

È morto per raccogliere un ramo pericolante che aveva visto su uno sperone di roccia. Purtroppo Franco Gritti, 74enne, mentre si arrampicava, ha perso l’equilibrio ed è precipitato, cadendo sull’asfalto della strada provinciale 27 a Costa di Serina.

L’impatto è stato terribile: Franco Gritti, 74 anni, che viveva a Bracca nella frazione Galleria, è caduto battendo la testa e il torace. I soccorritori inviati dal 118 di Bergamo con un’ambulanza e con l’elisoccorso lo hanno trovato in condizioni disperate.

Sono riusciti a stabilizzarlo per consentire il trasporto in ospedale. Poi l’elicottero è volato al Papa Giovanni di Bergamo. Purtroppo tutto è stato inutile: l’uomo è morto poco dopo l’arrivo al pronto soccorso.

Una vita fatta di valori e sacrifici, quella di Franco Gritti: il primo pensiero era sempre per la sua famiglia, alla moglie Ines e ai suoi tre figli.

La dinamica dell’incidente è ancora al vaglio dei carabinieri della stazione di Serina, intervenuti per gli accertamenti del caso subito dopo l’accaduto. Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che il 74enne volesse prendere un ramo pericolante su una parete rocciosa. Ha quindi deciso di seguire un ripido sentiero arrampicandosi un poco, ma un imprevisto è stato fatale, provocando la perdita di equilibrio e facendo precipitare l’uomo per diversi metri.

Con la poca voce rimasta Franco Gritti ha cercato aiuto: è intervenuto un residente di Costa Serina che ha allertato il 118.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 19 febbraio

© riproduzione riservata