Bollette, luce più cara dal 1° aprile  Si risparmierà sul gas: -2,7%
Luce più cara, ma sul gas risparmieremo fino a 47 euro in un anno

Bollette, luce più cara dal 1° aprile

Si risparmierà sul gas: -2,7%

Arrivano i nuovi aumenti per l’elettricità: saranno del 2,9%. Consumatori preoccupati: rialzo ingiustificato.

Nuovi aumenti in vista per la bolletta della luce, penalizzata anche dal grande freddo di inizio anno. Secondo gli aggiornamenti disposti dall’Autorità dell’energia per il mercato tutelato, da domani l’elettricità aumenterà del 2,9%, con un rincaro per la famiglia-tipo di 3,7 euro nei 12 mesi dal primo luglio 2016 al 30 giugno 2017.

Il risparmio netto si annuncia però sul fronte gas: nel secondo trimestre le tariffe diminuiranno del 2,7% con un calo di ben 47 euro in un anno. L’aumento dell’energia elettrica, spiegano all’Authority, è principalmente causato dall’incremento dei costi di approvvigionamento del primo trimestre, legato agli «eccezionali rialzi di inizio d’anno nel mercato all’ingrosso italiano, innescati dagli andamenti dei mercati elettrici europei collegati – specie quello francese con il perdurare degli aumenti legati al fermo di numerose centrali nucleari – dall’eccezionale ondata di freddo e dall’aumento dei prezzi del gas».

Preoccupati i consumatori che calcolano nei prossimi 12 mesi da aprile 2017 ad aprile 2018 un rincaro di 14,8 euro, non bilanciato dal calo del gas, che – denuncia l’Unc – scatta proprio in coincidenza con lo spegnimento dei riscaldamenti. Il Codacons giudica l’aumento ingiustificato, mentre Federconsumatori lancia l’allarme per l’abolizione del mercato tutelato contenuta nel ddl concorrenza. La norma (contestata in una anomala convergenza sia da Pierluigi Bersani che dal Movimento 5 Stelle) getterebbe i consumatori «in pasto alle pratiche commerciali scorrette ed agli abusi di società che in questi anni non sono riuscite a dare vita ad una vera concorrenza, degna di questo nome». È una misura «inaccettabile, che ci auguriamo non si traduca mai in legge», conclude l’associazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA