Temporali e grandine, auto danneggiata? 4 passaggi per chiedere il risarcimento

Temporali e grandine, auto danneggiata?
4 passaggi per chiedere il risarcimento

In questi giorni di maltempo, soprattutto dopo la super grandinata di sabato 14 maggio, in tanti si stanno chiedendo come chiedere un eventuale rimborso per i danni alle auto danneggiate.

1 - L’ASSICURAZIONE - La copertura assicurativa sugli eventi atmosferici di solito fa parte delle assicurazioni «accessorie», cioè non è contemplata nella polizza base Rc auto: è il cliente, dunque, che deve chiederla espressamente alla compagnia. Se non avevate sottoscritto la copertura prima di sabato 14 maggio non è previsto alcun rimborso per i danni della grandine.

2 - COPERTURE, MASSIMALE E FRANCHIGIA - È importante sapere anche quali sono gli eventi naturali coperti dalla polizza, così come il massimale (la somma massima che la compagnia corrisponde in caso di danni) e la franchigia (la soglia sotto la quale la compagnia non prevede risarcimenti).

3 - LA DENUNCIA - È necessaria un denuncia alle forze dell’ordine nella quale certifichino che è avvenuto l’evento atmosferico. In alternativa è possibile fare riferimento al bollettino dell’Osservatorio meteo più vicino al luogo dell’evento. Denuncia e fotografie dei danni vanno allegate alla richiesta di risarcimento da presentare all’assicurazione.

4 - LA PERIZIA - La compagnia invierà un perito per visionare l’auto, verificare che i danni siano stati davvero provocati dall’evento atmosferico e quantificare i danni. Il valore del veicolo per il risarcimento è quello di mercato, riferito al giorno prima dell’evento naturale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA