Lunedì 15 Marzo 2004

Domenica a Teatro, rassegna di teatro per bambini a Premolo

Sta per iniziare la terza edizione di «Domenica a Teatro», la rassegna teatrale dedicata ai bambini e organizzata a Premolo al teatro dell’oratorio, in via Don Seghezzi 1.

Gli appuntamenti

- Domenica 21 marzo, ore 16

Pandemonium Teatro

Pierone e il lupo

Con Tiziano Manzini e Emanuela Palazzi

Scenografia e luci di Graziano Venturuzzo

Regia di Tiziano Manzini

Per bambini della Scuola Materna ed Elementare

Immaginate un bel prato pieno di fiori e nel mezzo una casetta bianca. Lì dentro vi abita un ragazzo che si chiama Pierino. Bene. Ora immaginate che nel bel mezzo di una stanza di un bambino arrivi un imbianchino che si chiama Pierone e che sa giocare, nonostante la padrona di casa abbia una gran fretta che lui concluda il lavoro di imbiancatura… Riuscirà Pierone, giocando con quanto troverà nella stanza a far rivivere ancora una volta la lotta fra il Lupo e Pierino con i suoi amici gatto, anatra e uccellino? E i cacciatori con i fucili? Ci sono anche loro?

E allora questa volta, non bisogna dire «attenti al lupo» ma «attenti a Pierino… cioè Pierone!»

-Domenica 28 marzo, ore 16

La Fabbrica dei Sogni

Arkhè

Fiaba di Aria e di Acqua, di Fuoco e di Terra

Con Stefania Carnevali e Lorenzo Sentimenti

Scene, costumi e oggetti di Armando Bavieri e Lorenzo Sentimenti

Ideazione e Regia di Lorenzo Sentimenti

Per bambini della Scuola Materna ed Elementare

L’acqua ci serve: la beviamo. Di cosa è fatto il vento? Di aria, come quella che respiriamo. Poi c’è la terra: sulla terra si cammina, si gioca, e nella terra crescono gli alberi. Ma sotto la terra vive una grande magia: il fuoco, che può scaldarci se il vento è troppo freddo. L’acqua, l’aria, la terra e il fuoco sono cose che ci servono per vivere.

Ma Arkhè è un nome un po’ difficile. Nessuna fata ha un nome facile.

- Domenica 4 aprile, ore 16

Teatro Prova

Fate

Con Giusy Marchesi, Carmen Pellegrinelli e Vera Vavassori

Scene, costumi e oggetti di Angelo Alfonso Andreoli

Testo e Regia di Silvia Barbieri

Per bambini della Scuola Materna ed Elementare

Tre fate vivono nella felice sospensione dell’incredulità. Fare magie e far spuntare fiori, dipingere prati, far piovere, stendere arcobaleni. Tutto giocando, cantando, suonando e ballando. E’ accendere le stelle e far venire buio quando viene sera, è accoccolarsi, stare vicine per ascoltare insieme il profumo e il suono dei pensieri e dei segreti che sono nell’intimo dei bambini: le fate non li hanno mai incontrati e sono curiosissime. Questa è quindi un’ottima occasione per incontrarsi: Fate e Bambini.

Informazioni utili

Ingresso libero per bambini e ragazzi. Adulti 5 euro.

L’intero incasso sarà devoluto a scopi umanitari.

Per informazioni, da martedì a venerdì, telefonare in orario pomeridiano, allo 035/704425 (Biblioteca Comunale).

(15/03/2004)

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags