Deciso il nuovo palinsesto di Rai1 Cristina Parodi condurrà Domenica In
Cristina Parodi

Deciso il nuovo palinsesto di Rai1
Cristina Parodi condurrà Domenica In

Non solo Fabio Fazio su Rai1, con tanto di polemica sul compenso. Da Luca e Paolo a Quelli che il calcio alla nuova Domenica in, alle serate evento con Bocelli-Elton John o con Baricco, sono diverse le novità dell’autunno Rai, delineate nei palinsesti approvati dal cda e pronti per essere presentati agli investitori pubblicitari, il 28 giugno a Milano e il 4 luglio a Roma.

A presidiare l’intrattenimento di prima serata sulla rete ammiraglia, oltre a Che tempo che fa - che andrà in onda la domenica, raddoppiando in seconda serata il lunedì - saranno ancora Carlo Conti, con l’inossidabile Tale e quale show, il venerdì sera, e gli show evento, dedicati in particolare ai grandi protagonisti della musica, il sabato, proposte dall’azienda a Massimo Giletti che dovrà però rinunciare all’Arena. Spazio alla prima della Scala, ma anche a serate con Fiorella Mannoia, Roberto Bolle e all’accoppiata Andrea Bocelli-Elton John al Colosseo. Asse portante del prime time sarà ancora la grande fiction, da Nino Manfredi interpretato da Luca Germano a un comedy-fantasy con Luca Argentero, ai sequel di marchi di successo come Provaci ancora prof, E’ arrivata la felicità, Sotto copertura, I Medici.

Cambia completamente la domenica pomeriggio, con Domenica in affidata a Cristina Parodi e aperta ai temi sociali, con segmenti interni di diverso genere, dalle puntate sui 60 anni dello Zecchino d’oro (con Carlo Conti direttore artistico e uno speciale di prima serata) a La vita è una figata, storie di figure straordinarie in sei puntate condotte da Bebe Vio. Nel day time di Rai1, confermati Unomattina (dove arriva Benedetta Rinaldi accanto a Franco Di Mare), Storie vere con Eleonora Daniele (che raddoppia il sabato pomeriggio), Il tempo è denaro con Elisa Isoardi, Buongiorno benessere, La prova del cuoco con Antonella Clerici. Novità a pranzo: dopo il Tg1 delle 13.30, ecco Zero e lode, game show ispirato a un format della Bbc, in cui una coppia di concorrenti deve indovinare le risposte ’non datè da un campione di 100 individui.. E poi La vita in diretta, con Francesca Fialdini che prende posto accanto a Marco Liorni, L’eredità con Fabrizio Frizzi e Soliti ignoti con Amadeus, ’promossò a settembre dopo la chiusura di Affari tuoi.

Nel week end, torna Passaggio a Nord Ovest con Alberto Angela, altro potenziale ’transfugà della vigilia, che continuerà a presidiare anche Rai3 con Ulisse. Sul fronte informazione, su Rai1 l’immarcescibile Porta a porta con Bruno Vespa (dal martedì al giovedì) e Petrolio, su Rai2 ancora Nemo e Night Tabloid, in attesa del debutto di un nuovo progetto, probabilmente da gennaio, e novità su Rai3: accanto alla conferma di Cartabianca con la Bianca Berlinguer e di Presadiretta in tandem con Report (il lunedì), sulla terza rete è atteso Michele Santoro (che continuerà a produrre i suoi racconti-inchiesta), mentre Lucia Annunziata vedrà raddoppiato lo spazio di In 1/2 H la domenica pomeriggio. Ad Agorà confermata anche in autunno Serena Bortone.

Su Rai2 la grande novità sono Luca e Paolo a Quelli che il calcio (ma anche con uno dei loro cult, Camera cafè che potrebbe prendere il posto di Gazebo su Rai3). Confermate le star Mika e Virginia Raffaele (che però tornerà nel 2018), i reality Il collegio e Pechino Express, gli spazi di riflessione come Maipiùbullismo e Giovani e…, new entry Ci vediamo in tribunale, un reality in pillole sulle diatribe della vita quotidiana. Su Rai3, tra i capisaldi come Chi l’ha visto? e Mi manda Rai3, ancora in primo piano il racconto del reale: tra le novità, destinate tra l’altro a occupare la casella della domenica ’orfanà di Fazio, documentari, serate speciali con Roberto Baricco, SangheNapule con Roberto Saviano, Andiamo a governare, un programma sperimentale che affida la gestione di un quartiere o di un paese agli stessi cittadini. E poi la striscia Le ragazze del ’68, raccontate 50 anni dopo. Se per il ritorno di Paola Perego, richiamata in squadra dopo lo stop a Parliamone sabato, bisognerà aspettare probabilmente gennaio, resta aperto il capitolo Sanremo, destinato ad essere affrontato dopo i palinsesti d’autunno. Nelle indiscrezioni si parla di possibili ’incursionì all’Ariston di Fazio. Ma da Fiorello (puntualmente chiamato in causa nei rumors, puntualmente smentiti dallo showman) a Giletti (che non ha fatto mistero di sentirsi pronto per l’Ariston), ci si muoverebbe ancora sul terreno delle ipotesi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA