Sentinelle social contro furti e rapine Bergamo in tempo reale con Shelly App
La app Shelly

Sentinelle social contro furti e rapine
Bergamo in tempo reale con Shelly App

Crescono in rete le iniziative per aiutare i cittadini a monitorare il territorio e a difendersi da furti, rapine e truffe. Dopo avervi parlato dei gruppi Facebook e WhatsApp e dell’applicazione Siqra, vi presentiamo Shelly: una app made in Bergamo altrettanto utile e interessante per restare informati in tempo reale sulle situazioni di pericolo. Gratuito il primo punto da monitorare, a pagamento quelli in più.

Il team di sviluppo Tiknil di Bergamo ha creato Shelly , una app disponibile per iOs e Android, che consente di monitorare tutto ciò che accade in una zona grazie alle segnalazioni degli stessi cittadini. Il principio è lo stesso di Waze, la app di Google che raccoglie in tempo reale le segnalazioni del traffico inviate dagli automobilisti.

Una volta scaricata l’applicazione dallo store, bisogna inserire la propria mail e creare una password, a quel punto è possibile visualizzare la mappa della zona interessata e leggere e inviare le varie segnalazioni. È possibile segnalare 12 tipologie di potenziale pericolo o di disagio che si stanno verificando. Ad ogni segnalazione gli utenti che si trovano i nel raggio di 1,5 chilometri riceveranno una notifica sul cellulare.

Ecco il primo servizio che parla di Shelly! Ringraziamo TGR RAI - Trentino #dilloashelly #appsicurezza

Pubblicato da Shelly App - La Community della sicurezza su Venerdì 6 novembre 2015

Si possono inserire una o più «sentinelle» per monitorare cosa accade attorno ad un luogo di interesse come ad esempio la casa, l’ufficio, la scuola dei figli o l’abitazione dei genitori. Per inserire una sentinella è sufficiente scegliere il nome della sentinella (ad esempio la scuola) ed inserire l’indirizzo confermando la ricerca.

Shelly mette a disposizione gratuitamente un solo punto monitorabile, mentre gli altri sono acquistabili, ma gli utenti possono cambiare a piacere il punto da monitorare senza alcun costo aggiuntivo.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 29 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA