Mercoledì 05 Gennaio 2011

Val Calepio, la crisi frena l'economia
Grumello e Chiuduno: stop ai capannoni

Dopo anni al galoppo la Val Calepio frena. Due paesi simbolo dell'economia legata allo sviluppo industriale e artigianale - Grumello e Chiuduno - hanno messo nero su bianco la crisi e ne sono usciti due Piani di governo del territorio (ancora in itinere) che parlano chiaro: alt ai capannoni. Riconfermati i Piani d'intervento produttivo già previsti nei vecchi Piani regolatori generali, ma di nuovo non c'è più niente

Tra l'altro alcuni dei terreni su cui dovevano crescere i piani d'insediamento produttivo previsti nei Prg sono ancora lì intatti e sui capannoni ancora vuoti spuntano i cartelli «vendesi». Significa che il mercato è saturo. E agli estensori dei Pgt hanno dato precise indicazioni: per il momento, basta poli produttivi.

Alessandro Cottini, assessore all'Urbanistica di Grumello, ex sindaco oltre che assessore provinciale a Caccia, pesca e sport afferma che «L'economia è in recessione, ma se nei prossimi 10 anni sul territorio si riuscissero almeno a mantenere gli attuali livelli occupazionali nel settore produttivo, sarebbe già un risultato eccezionale». Chiuduno è sulla stessa lunghezza d'onda e anche nel suo Pgt ha deciso di confermare le zone produttive previste nel vecchio Piano regolatore generale, ma di non prevedere nessun metro quadrato in più di capannoni.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo di mercoledì 5 gennaio

e.roncalli

© riproduzione riservata