Giovedì 05 Febbraio 2009

Per lavorare di domenica
compensi maggiorati del 35%

Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno firmato l’accordo con Ascom per quattro accordi territoriali riguardanti la deroga al part time, l’istituzione del rappresentante territoriale dei lavoratori per la sicurezza (RLST, l’unico sottoscritto anche dalla Cgil), l’apprendistato professionalizzante e il lavoro domenicale.

Per quanto riguarda il lavoro domenicale, l’accordo prevede che in prima istanza valga la volontarietà del lavoratore, poi necessiterà una regolamentazione con le parti sindacali. A tutti i lavoratori che lavoreranno il festivo, comunque viene riconosciuta una maggiorazione del 35% (quasi il doppio della maggiorazione nazionale).

Nella deroga al part time, il nuovo regolamento abbassa il limite minimo per l’assunzione, prima fissato a 16 ore settimanali, favorendo così molta emersione dal nero.

Il RLST viene istituito per la prima volta anche nel settore del commercio e turismo, mentre per l’apprendistato viene recepito l’accordo confederale firmato nei giorni scorsi da Cisl e Uil con le piccole e medie imprese.

«Sono contento di aprire il congresso con la notizia della firma di ben 4 accordi territoriali riguardanti il settore del turismo e commercio. Al tempo stesso provo un certo rammarico per il fatto che solo uno di questi porti la firma di tutti e tre i sindacati». Così Roberto Corona ha aperto giovedì i lavori dell’8° congresso provinciale della Fisascat che si concluderà con il cambio della guardia al vertice della categoria. «Sono contento di chiudere la mia carriera qui con questo risultato, sicuramente importante e tra i primi in Italia per qualità e tempestività. Così, come recita lo slogan del nostro congresso, riusciamo a rappresentare le diversità e a contrattare le tutele».

a.ceresoli

© riproduzione riservata