Martedì 20 Dicembre 2011

«Swing on Snow»
all'Alpe di Siusi

Dal 22 al 29 gennaio 2012 all'Alpe di Siusi (Alto Adige / Südtirol) torna il WinterMusicFestival più suggestivo che ci sia, in un incrocio di sonorità tradizionali reinterpretate in chiave contemporanea.

Sessanta chilometri di discese per amanti dello sci alpino, 80 per quelli del fondo, 30 chilometri di passeggiate per le escursioni e 18 per le piste da slittino, e ancora 23 concerti in otto giorni e uno tra gli scenari innevati più suggestivi d'Europa: ecco “Swing on Snow”, la straordinaria esperienza musicale dell'Alpe di Siusi (Alto Adige / Südtirol) che torna con la settima edizione dal 22 al 29 gennaio 2012. Sciatori e appassionati delle note si muoveranno sull'onda del groove di straordinarie band dell'area alpina, così come immaginarono all'inizio del millennio i gestori degli impianti che idearono la rassegna.

Per l'edizione 2012 sono attesi circa 4000 spettatori, una valanga di gioia, divertimento e ritmo. Lo swing, più che al genere musicale, fa riferimento all'irresistibile atmosfera che cattura gli spettatori del festival distribuito nel contesto di Sciliar, Sasso Lungo e Sasso Piatto. Un vero e proprio teatro naturale, con esperienze molto diverse fra loro: le sonorità inconsuete dell'hanottere, un particolare modello di cetra svizzera; i musicisti che suonano al mattino sulle piste con i sassofoni congelati; i concerti all'aperto vicino ai rifugi e altro ancora.

La reinterpretazione in chiave contemporanea della tradizione popolare è ciò che accomuna i musicisti provenienti da Germania, Austria, Italia, Svizzera, Francia, Inghilterra e Slovenia, come testimoniano i vari appuntamenti, a partire da quelli alla stazione a monte della cabinovia Alpe di Siusi. Il gruppo austriaco Stelzhamma propone a partire da domenica 22 gennaio 2012 una pungente combinazione di esuberanza, scherzosa verve e influenze moderne.

La freschezza e lo swing del quartetto allieteranno nei concerti del mattino sino a giovedì 26. Da non perdere la serata di domenica 22, con la musica folk progressiva della cult band tirolese Opas Diandl che si esibisce all'Hotel Genziana di Siusi. Da venerdì 27 gennaio fino alla domenica successiva toccherà invece a Bifunk, la brass band di casa, uno spassoso complesso jazz di fronte al quale è impossibile rimanere fermi. La loro polonnaise sulla neve è ormai una leggenda.

L'Hotel Icaro all'Alpe di Siusi ospiterà la serie di concerti del pomeriggio a partire da domenica 22 gennaio, ospitando quel giorno, a partire dalle 13, il sestetto Crossfiedler, una formazione che fa della versatilità un marchio di fabbrica, combinando samba, fiddle tune irlandesi, musica tradizionale dell'arco alpino, passando per Nuova Delhi. Il gruppo si esibirà poi lunedì 23 alle 21 nel centro di Castelrotto, presso l'hotel Alla Torre.

Lunedì 23 è anche la volta degli Spafudla, sotto il Rifugio Sasso Piatto: Bernadette e Lucia Froihofer insieme al fratello Gabriel e al talentuoso Daniel Fuchsberger si esibiscono con originalità e passione, fedeli al nome del gruppo, che richiama un antico e insolito personaggio che si aggira per il paese brandendo la propria torcia. Martedì 24 alle 21 gli Spafudla replicano al Vinebar Rubin di Castelrotto mentre la proprietaria Sandra Schgaguler offrirà un vino speciale.

E ancora, in un pout-pourri di sonorità e correnti musicali: gli Hotel Palindrone con Albin Paulus (uno dei massimi virtuosi dello scacciapensieri a livello mondiale), gli austriaci Federspiel influenzati dalla musica ungherese, la straordinaria Christine Lauterburg, il gruppo gipsy Langa, la fisarmonicista Miranda Cortes insieme alla britannica Marianne Wade. Il gran finale di domenica 28 gennaio ha in serbo l'esibizione degli Aluna, che si cimenteranno con l'autore tedesco di best-seller Veit Heinichen nelle maestose sale di Castel Presule. Insomma, una vera e propria sarabanda, che amalgama il piacere della neve, nella montagna a quello senza tempo della musica. Per otto indimenticabili giorni.

Per informazioni: Alpe di Siusi Marketing Tel.: 0471.709600 info@alpedisiusi.info: www.alpedisiusi.info

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags