Giovedì 11 Giugno 2009

«Dal borgo al teatro dei Nobili»
Ecco il Bergamo Musica Festival

Il quarto Bergamo Musica Festival propone un cartellone particolarmente ricco e variato. Come negli anni passati, la parte monografica è affiancata dalla programmazione di repertorio. Ma, a differenza delle altre edizioni, il tema del 2009 si rivolge ai contenitori della programmazione anziché ai suoi contenuti.

“Dal Borgo al Teatro dei Nobili” è espressione che allude al percorso biografico ed artistico di Gaetano Donizetti, nato poverissimo in Borgo Canale e diventato, nel volgere di pochi anni, poliedrico artista capace di esibirsi e produrre partiture per il palcoscenico più esclusivo di Bergamo. Ma “Dal Borgo al Teatro dei Nobili” è anche il progetto che consente alla città di festeggiare la parabola donizettiana riconsegnando al pubblico della lirica due luoghi emblematici: la Casa Natale e il Teatro Sociale.

L’evento di apertura, realizzato attraverso un allestimento essenziale, riguarda uno dei capolavori della maturità del compositore: Linda di Chamounix, ospitato nel teatro di Città Alta appena riaperto. Sarà la prima occasione, dopo ottant'anni, per ascoltare nuovamente la lirica nella splendida sala del Pollack.

Tra prima e seconda recita, il 12 settembre, è programmata anche l’inaugurazione della casa in cui nacque l’artista, in Borgo Canale. Interamente restaurata, ospiterà 10 sale per uffici ed esposizioni e una sala conferenze/concerti per 50 spettatori. La riapertura coinciderà anche con il ricordo di William Ashbrook, il grande musicologo statunitense (già cittadino onorario di Bergamo) recentemente scomparso.

L’elisir d’amore e La figlia del reggimento completano la parte dedicata al nostro compositore. Il primo spettacolo verrà portato in tournée in Giappone al termine del Festival. La figlia del reggimento nasce invece come coproduzione con il Circuito Lirico Lombardo. Si tratta di un debutto: per la prima volta verrà eseguita l’edizione critica dell’opera curata dalla Fondazione Donizetti. Il nuovo testo, in lingua italiana, è significativamente diverso dalla vecchia edizione, che -come noto- era affetta da interventi apocrifi.

La traviata sarà l’altro titolo della trasferta giapponese. Le compagnie annoverano artisti di eccellenza internazionale, fra i quali bisogna ricordare almeno Mariella Devia, Premio Donizetti 2008. Il nuovo spettacolo sarà firmato da Paolo Panizza e Italo Grassi.

Completa il cartellone lirico Il barbiere di Siviglia, coproduzione fra i teatri di Lucca, Bergamo, Savona e Rovigo. L’elisir d’amore costituirà la base del progetto La scuola all’opera, che quest’anno si arricchirà di due proposte pensate specificamente per il pubblico delle materne e delle elementari distribuite al Teatro Sociale: la commedia musicale Nemorino tenore e burattino (per burattini e musicisti) e il balletto Giorgio e il drago, poetica creazione della compagnia di Simona Bucci.

A conclusione di stagione, come negli ultimi anni, sarà programmato il balletto con orchestra dal vivo: titolo celeberrimo Romeo e Giulietta di ?ajkovskij nella produzione del Balletto di Milano.

Francesco Bellotto
Direttore artistico Bergamo Musica Festival

a.ceresoli

© riproduzione riservata