Oriocenter, ecco l’ampliamento  In primavera l’inaugurazione
Il cantiere di Orio Extension: nei 30 mila metri quadri su due piani ci sarà anche un cinema da 14 sale

Oriocenter, ecco l’ampliamento

In primavera l’inaugurazione

Nei nuovi trentamila metri quadrati in arrivo 75 negozi, ristoranti, un cinema da 14 sale, spazi per mostre e concerti e duemila posti auto.

Ancora qualche mese e sarà possibile vedere l’inaugurazione di Orio Extension, l’ampliamento del centro commerciale Oriocenter, il cui cantiere è stato aperto quest’anno. I lavori avanzano a ritmo serrato, come può vedere chi in questi giorni si reca al centro commerciale per lo shopping natalizio, e sembra ormai certo che avverrà in primavera il taglio del nastro con la conseguente apertura al pubblico dei 30 mila nuovi metri quadri che rappresentano la terza fase della crescita del centro.

Con i nuovi spazi che verranno inaugurati nella primavera 2017 Oriocenter tornerà a diventare il centro commerciale più grande d’Italia e uno tra i più grandi d’Europa: l’aumento di volumetrie è appunto pari a 30 mila metri quadri, parte dei quali ospiterà 75 nuovi negozi e ristoranti che porteranno il numero totale degli esercizi a 275.

La nuova ala sarà organizzata su due piani: al primo si troverà l’offerta legata a sport, casa, accessori moda e abbigliamento di fascia medio-bassa, mentre al piano superiore ci sarà un’offerta di shopping di lusso, tra grandi marchi «made in Italy» ma anche nomi della moda internazionale, con proposte di intrattenimento studiate ad hoc. All’interno degli spazi di Orio Extension vedrà la luce anche un cinema multisala con 14 sale ad alta tecnologia dotate complessivamente di 2.424 poltrone. Per consentire ai clienti di accedere ai nuovi spazi, sono 2 mila i posti auto ricavati, che portano a ottomila la capienza totale dei parcheggi di Oriocenter.

Per il futuro, inoltre, sono in cantiere i progetti per la creazione di un planetario, di un hotel a cinque stelle (anche in questo caso, dunque, la clientela di riferimento è di alta fascia) e di una serie di spazi pensati per ospitare attività culturali e di intrattenimento come mostre d’arte, concerti e sfilate di moda, oltre a spazi verdi con fontane e giochi d’acqua.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 22 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA