Al via la corsa delle uova   Venerdì Gandino si accende

Al via la corsa delle uova
Venerdì Gandino si accende

La semplicità è il segreto di un successo senza tempo. Venerdì 29 giugno alle 20.30 si ripete a Gandino la magia della «Corsa delle Uova», manifestazione nata da un’originalissima scommessa fatta nel 1931 da due diciottenni del paese, Lorenzo Archetti e Giovanni Bonazzi.

Il primo da «corridore» percorse il tratto Gandino-Fiorano al Serio e ritorno (circa 11 chilometri), mentre in contemporanea il secondo si impegnò a raccogliere, una per una, 100 uova, poste ad un metro l’una dall’altra fra piazza Vittorio Veneto e la chiesa di Santa Croce, per un totale di 10.100 metri. Vinse il corridore (favorito allora come oggi dalla continuità d’azione), ma soprattutto nacque una sfida che ogni anno si rinnova, unendo passione e folklore, grazie all’Atalanta Club Valgandino che nel 1981 ha riportato in auge la gara.

Al via ci saranno quest’anno Giuliano Noris (raccoglitore) e Maurizio Beltrami (corridore), entrambi all’esordio in una gara che richiama migliaia di spettatori ed è certamente unica nel suo genere. Un ricordo non potrà mancare per Lorenzo «Renzino» Rottigni, già concorrente ed organizzatore, morto improvvisamente lo scorso 18 giugno. Al termine della «Corsa de öf» sotto i portici del municipio verranno offerte uova sode e frittata grazie al Gruppo Alpini e prenderà il via la Notte Bianca.

Sarà una serata ricca di musica e animazione, che ormai da diversi anni arricchisce il tradizionale evento di tradizione e folklore, grazie al coordinamento organizzativo (non semplice di questi tempi), di Pro Loco e Associazione Commercianti di Gandino. Già a partire dalle 19, con il centro storico chiuso al traffico, si potranno gustare le cene proposte da bar e ristoranti.

Non mancherà la musica, con proposte diversificate anche in questo caso. Partendo dal rock proposto dal Pub Controcorrente con un tributo a Ligabue, all’animazione frizzante di Beppe Duci presso il Bar Liù e i numerosi Dj Set di Bar La Corte, Bar Savoia e Il Vizio.

A fianco delle proposte musicali e gastronomiche, non mancherà lo shopping. Numerosi i negozi aperti per l’occasione e soprattutto gli sconti e le promozioni. Verranno allestiti spazi per i più piccoli, con gonfiabili presso il piazzale delle scuole elementari, truccabimbi e l’originale pista per hoverboard (il monopattino «senza manico») proposta da Anesa Hi-Fi.

In occasione della Notte Bianca, viene presentato in Piazza Santa Croce il progetto «Cum Pane», ideato da Gruppo Ge.di. (Genitori Disabili) in collaborazione con la Società San Vincenzo de Paoli – Consiglio Centrale di Bergamo, Cooperativa Sociale «il Cantiere» ed Associazione Mamme del Mondo. Il progetto intende creare corresponsabilità tra istituzioni e territorio in funzione del contrasto alla disuguaglianza sociale, promuovendo forme di aiuto per famiglie in difficoltà economica e combattendo lo spreco alimentare non in un’ottica di puro assistenzialismo bensì di reciprocità in cui ogni soggetto partecipi al bene comune. A Gandino lo spazio «hub» di piazza Santa Croce consentirà di smistare e consegnare prodotti alimentari, facendo incontrare le risorse del volontariato e le famiglie con fragilità, coinvolgendo giovani e persone disabili. Completano il ricchissimo programma della Notte Bianca, il piccolo mercatino degli hobbisti, l’apertura straordinaria del Museo della Basilica (visite guidate dalle 20.30 alle 24) e la mostra filatelica e di cimeli dedicata ai 110 anni dell’Inter, curata dal Gruppo Filatelico Valgandino.

Giovedì 28 giugno alle 20.45 presso la Biblioteca Comunale si terranno la presentazione del volume «Dieta Alpina» di Antonio Carminati e Michele Corti e la proiezione del documentario «Pane di Vento» del regista Luigi Ceccarelli. Sabato 30 giugno, dalle 11 alle 18, voli turistici in elicottero con il pilota-alpinista Simone Moro, organizzati da Squadra Antincendio Valgandino e Camper Club Valseriana. Sempre sabato, alle 19, inaugurazione presso Palazzo Giovanelli della nuova sede di «Gandino Web TV», creata e gestita da giovani e adolescenti del paese.

Domenica 1 luglio in paese si celebrano i Santi Martiri Patroni e si assegnano i premi ai Gandinesi Benemeriti. In Basilica sono in programma i festeggiamenti per il 30° di sacerdozio del gandinese don Carlo Caccia ed il saluto al sacrista Mario Bosio, che va in pensione dopo 28 anni di servizio. In serata toccherà al Civico Corpo Musicale di Gandino proporre alle 21 il «Concerto della Prima di Luglio» diretto da Aleandro Martinelli in piazza Vittorio Veneto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA